Corruzione

Pericolo inquinamento e fuga: resta in carcere il direttore dell’Agenzia delle Entrate video

Genova. Non lasceranno il carcere Walter Pardini, l’ex direttore provinciale dell’Agenzia delle entrate di Genova, e i tre consulenti della Securpol Group, arrestati martedì sera con l’accusa di corruzione. Lo ha deciso il gip Paola Faggioni dopo gli interrogatori di garanzia.

Secondo il gip per tutti e quattro vi sarebbe un pericolo di inquinamento delle prove e, per il solo Pardini, anche un pericolo di fuga avendo questi una casa di proprietà all’estero. Con Pardini erano finiti in manette l’avvocato Luigi Pelella e i commercialisti Francesco Canzano e Massimo Alfano (difesi dall’avvocato Carlo Biondi). Il commercialista genovese Stefano Quaglia è indagato per concorso in corruzione.

L’ex funzionario, difeso dall’avvocato Stefano Savi, ha ricostruito la vicenda respingendo le accuse. “Mi sono reso disponibile – ha detto al gip – a rendere una consulenza vista l’amicizia ventennale che ho con Pelella. Avevo interesse a che la pratica si chiudesse a Genova ma ho fatto tutto muovendomi lecitamente”. Pardini ha anche risposto sulla mazzetta, una busta con 7.500 euro, consegnatagli martedì sera dopo la cena al noto ristorante Manuelina di Recco. “Mi hanno messo quella busta in tasca – ha detto – io ho rifiutato più volte ma loro me l’hanno data. Io nemmeno l’ho aperta”.

Secondo gli investigatori quella mazzetta era un “acconto” di una tangente più grande per agevolare la transazione che la Securpol doveva discutere l’indomani per un valore di 20 milioni di euro.

leggi anche
  • La nota
    Direttore arrestato per corruzione, Agenzia Entrate: “Massima collaborazione”
  • All'alba
    Genova, arrestato per corruzione il direttore provinciale dell’Agenzie delle Entrate
  • Mazzette
    Arrestato mentre intascava una tangente, il pm chiede 6 anni e 4 mesi per l’ex direttore dell’Entrate di Genova