L'annuncio

Ospedale del Ponente a Erzelli, Toti: “Prima pietra nel 2019”

Struttura privata convenzionata, in project financing

erzelli ospedale ponente

Genova. “La prima pietra non più tardi del 2019”. Alla fine c’è una data, anche se di massima, per l’inizio della costruzione dell’Ospedale del Ponente. L’annuncio del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti è arrivato a margine della presentazione delle prime cinque delibere del candidato del centrodestra Marco Bucci nel caso venisse eletto sindaco.

Tempi invece brevissimi si preannunciano per i primi atti formali. “Ho chiesto all’assessore alla Sanità Sonia Viale e al commissario di Alisa Walter Locatelli – ha spiegato Toti – di portare entro una quarantina di giorni un atto di giunta che dia priorità alla struttura”.

Si parla di sanità privata, in project financing: nelle intenzioni della Regione i privati costruirebbero la struttura, gestendo poi l’ospedale e garantendo il servizio ai cittadini a tariffe convenzionate. “Tutti i più grandi gruppi del settore sono interessati e ce lo hanno già comunicato. La nostra road map – ha concluso Toti – prevede l’elaborazione della gara entro il 2017, con l’assegnazione nel 2018”.

leggi anche
bucci
Genova 2017
Turismo, ospedale del Ponente, infrastrutture e 30 mila posti di lavoro: i punti chiave di Bucci
erzelli ospedale ponente
Ospedale e aeroporto
L’Enac esclude villa Bombrini: ospedale del ponente a Erzelli
cronaca
La decisione
Università a Erzelli, arriva il via libera finale dal collegio di vigilanza
erzelli ospedale ponente
Erzelli
Ospedale del Ponente, via libera dalla giunta regionale
erzelli ospedale ponente
Poche sicurezze
Ospedale del Ponente, i dubbi della Cgil: “Annunci dal sapore elettorale, i problemi sui territori restano”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.