Il colpo

Niente fondi dalla Regione: chiude Expo Fontanabuona

Estrazione a sorte. E la storica campionaria non si farà

Valfontanabuona. Niente fondi dalla Regione Liguria e la storica Expo Valfontanabuona-Tigullio quest’anno non ci sarà. “Ieri – spiega Marisa Bacigalupo, presidente Agenzia di Sviluppo Gal Genovese – è avvenuto il sorteggio per assegnare i fondi per le manifestazioni e gli Expo di interesse regionale. Purtroppo, tramite questo meccanismo che affida solo alla sorte senza nessun criterio sulla storicità, sulle qualità o sull’eccellenza dell’iniziativa, Expo è stata esclusa dalla possibilità di contributo del bando regionale”.

“A tutta l’area – continua – verrà quindi meno l’ultimo pezzo che contribuiva a mantenere l’identità di un territorio, a valorizzare l’esperienza del tessuto artigianale e delle piccole medie imprese, che creava lavoro e indotto per tutti ben oltre le giornate dell’Expo”.

E sul caso si abbattono le critiche del Pd. “Sembra uno scherzo, ma purtroppo è la dura realtà. E così – attacca Luca Garibaldi – per ricevere un sostegno da parte dell’ente regionale non serviranno più merito, storicità, ma soltanto una buona dose di fortuna. In questo modo, anche se l’assessore Rixi pensa di potersene lavare le mani dicendo che a decidere è stato un sorteggio, la Giunta Toti assesta un ulteriore colpo a questa fetta di territorio. Non è stato il caso a privare l’Expo dei fondi regionali, ma una precisa scelta politica. Non dare la priorità a manifestazioni come queste, storiche e importanti per i piccoli Comuni, per l’entroterra e per le centinaia di piccoli esercizi commerciali, laboratori, espositori che vedevano nell’Expo il principale appuntamento di richiamo per la loro attività, è una decisione di cui la Giunta Toti devi assumersi la piena responsabilità di fronte ai cittadini e al territorio”.

Più informazioni
leggi anche
  • Replica
    Expo Fontanabuona, Rixi: “Roulette russa colpa dei tagli del governo”
  • L'appello
    Fontanabuona, Bagnasco (Forza Italia): “Basta polemiche, proviamo a salvare l’Expo”