All'alba

Genova, arrestato per corruzione il direttore provinciale dell’Agenzie delle Entrate fotogallery

Tangente da 7.500 euro, arrestati anche tre consulenti di un'azienda di logistica

Genova. L’operazione della Guardia di Finanza è scattata all’alba: il direttore provinciale dell’Agenzia dell’Entrate, Walter Pardini, è stato arrestato.

Secondo le prime informazioni l’arresto è avvenuto ieri sera alle 23.30 in flagranza di reato, mentre prendeva una tangente davanti al ristorante Manuelina di Recco.

L’inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore Massimo Terrile e dal procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati.

Secondo l’accusa Pardini avrebbe incassato una tangente da 7.500 euro nell’ambito di una transazione per un contenzioso di un’azienda di logistica con sede a Napoli di cui inspiegabilmente si era occupato direttamente il primo dirigente dell’ufficio dell’agenzia genovese.

I militari si erano insospettiti del trasferimento improvviso dell’azienda sotto la lanterna, “non motivato da ragioni economiche” spiega il procuratore capo Franco Cozzi. L’indagine andava avanti da un po’: l’arresto è arrivato in flagranza, dopo il passaggio fisico della mazzetta contenuta in una busta. Il passaggio è stato filmato dai militari.

Insieme a Pardini sono stati arrestati anche tre consulenti dell’azienda.

L’Agenzia delle Entrate offre “massima collaborazione all’Autorità giudiziaria per far piena luce sulla
vicenda”. Per Pardini ha adottato la sospensione cautelare dal servizio in attesa del provvedimento dell’Autorità giudiziaria.

leggi anche
  • La nota
    Direttore arrestato per corruzione, Agenzia Entrate: “Massima collaborazione”
  • Arresto walter pardini
    Il passaggio della tangente davanti al ristorante Manuelina: indagato anche un commercialista genovese
  • Corruzione
    Pericolo inquinamento e fuga: resta in carcere il direttore dell’Agenzia delle Entrate
  • Mazzette
    Arrestato mentre intascava una tangente, il pm chiede 6 anni e 4 mesi per l’ex direttore dell’Entrate di Genova