Il comunicato

Caso Cassimatis, lo staff del M5S sul blog di Grillo: “Non sarà la nostra candidata”

Nel comunicato nessun cenno a Luca Pirondini

Genova. “Marika Cassimatis è stata sospesa e la votazione del 14 marzo è stata annullata, pertanto la stessa non è né sarà candidata con il MoVimento 5 Stelle a Genova alle elezioni dell’11 giugno”. E’ un comunicato laconico quello in cui pochi minuti fa lo staff del M5S sul blog di Beppe Grillo recepisce l’ordinanza del tribunale di Genova ma ribadisce che Marika Cassimatis non sarà la candidata in quanto sospesa dal movimento.

Ecco il testo del comunicato:

“Il tribunale di Genova oggi ha sospeso l’efficacia della decisione assunta da Beppe Grillo in qualità di Garante e titolare del simbolo del MoVimento 5 Stelle di non concedere alla Cassimatis l’uso del simbolo stesso per le elezioni comunali del 2017 a Genova (e non di escludere la Cassimatis dal percorso selettivo). Ha inoltre sospeso l’efficacia della votazione del 17 marzo in cui si chiedeva a tutti gli iscritti di esprimersi sull’importante decisione di partecipare o meno alle comunali di Genova.

La sentenza specifica la “natura interlocutoria delle odierne statuizioni”, che non sono, quindi, definitive. Si tratta di un provvedimento cautelare di sospensione suscettibile di modifiche sia in sede di (eventuale) reclamo che di merito.

Rispettiamo la sentenza, che, tra l’altro, riconosce la validità e la legittimità del Regolamento del MoVimento 5 Stelle (“le apprezzabili regole statutarie più volte richiamate, sottolineate ed apprezzate”) riservandoci, però, di tutelare in ogni sede le nostre ragioni.

In ogni caso non possiamo non rilevare come in nessun passo della predetta sentenza si sostenga che la Cassimatis è la candidata sindaco del MoVimento 5 Stelle, come lei ha affermato. Marika Cassimatis è stata sospesa e la votazione del 14 marzo è stata annullata, pertanto la stessa non è né sarà candidata con il MoVimento 5 Stelle a Genova alle elezioni dell’11 giugno”

Se appare chiaro che la scelta del Movimento sia di scontro frontale non candidando comunque Cassimatis, non è altrettanto chiaro al momento cosa faranno i cinque stelle alle prossime elezioni amministrative. Lo staff dice che “rispetta la sentenza” ma si riserva di “tutelare in ogni sede le nostre ragioni”.

Quindi sembra probabile il “reclamo” contro la decisione del giudice Roberto Braccialini. E nel frattempo il comunicato dello staff non dice che Luca Pirondini resta il candidato del M5S. Anzi, Pirondini non lo nomina proprio. Questo potrebbe avvalorare la tesi che il M5S alla fine, e soprattutto se anche l’impugnazione della decisione di oggi andasse male (i tempi sono di 15 giorni per l’impugnazione e di 20 per una nuova decisione), potrebbe non presentare alcuna lista alle prossime amministrative genovesi.

.

Più informazioni
leggi anche
  • Dopo l'ordinanza
    Cassimatis: “Soluzione amichevole con Grillo, ma solo io posso usare il simbolo M5S”
  • Caos m5s
    Caso Cassimatis, Pirondini in silenzio stampa diserta il primo dibattito in tv
  • L'affondo
    Caso Cassimatis, Paita (Pd): “M5S partito dinastico e inaffidabile”
  • Stella polare?
    Caso Cassimatis, il giudice congela le decisioni di Grillo: “Va contro le regole dello stesso M5S”
  • L'intervista
    Caso Genova, Cassimatis: “Ho vinto, sono il candidato del M5S”
  • Caos
    Caso Cassimatis, avviso bonario a Grillo contro sospensione
  • Doppio m5s
    Genova 2017, sia Cassimatis che la lista di Pirondini all’incontro informativo sulle elezioni
  • Udienza il 26 aprile
    M5S, tra Pirondini e Cassimatis continua la guerra in tribunale: presentato ricorso per annullare le comunarie del 14 marzo