Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Amiu-Iren, i lavoratori guardano al “modello Livorno”: Nogarin e Pirondini al Cap

Genova. Il modello Livorno per salvare Amiu e Genova? Se ne parlerà martedì sera al Cap, all’incontro organizzato da Ula, Unione Lavoratori Amiu, che avrà come ospiti Luca Pirondini, candidato sindaco del M5S, e il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, regista del salvataggio di Aamps, l’azienda municipalizzata livornese dei rifiuti a rischio crack per il forte indebitamento.

Tutti ci spiegano che alla fusione Iren Amiu non c’è alternativa – spiegano in una nota i lavoratori Amiu – noi vogliamo vederci chiaro, dando a tutti la possibilità di conoscere ciò che è avvenuto in altre città e continuare il dibattito con le forze politiche intervenute all’assemblea del 27 marzo sul futuro di Amiu. Per questo abbiamo accolto la proposta del M5S di un’iniziativa di informazione e dibattito sulla vicenda della crisi dell’Aamps. E chiederemo al candidato sindaco dei 5 Stelle Pirondini impegni programmatici precisi per la prossima legislatura”.

I lavoratori Amiu precisano che l’iniziativa di martedì con gli esponenti 5 Stelle, dopo quella promossa il 27 marzo con alcuni consiglieri comunali, “fa parte di una serie di incontri che avremmo intenzione di organizzare anche con altre forze politiche e candidati, per sentire illustrare piani e programmi alternativi all’aggregazione Iren Amiu e alla gestione dell’emergenza, atti a tutelare lavoratori e cittadini e per una corretta gestione dell’azienda come fonte di ricchezza per Genova”.

E ancora: “Abbiamo visto su internet alcune locandine del M5S che non ci sembrava rispecchiassero questa impostazione, glielo abbiamo fatto notare e ci siamo chiariti. Noi parliamo con tutti, anche con la politica (visto che è la politica che decide su Amiu), ma non facciamo il tifo per nessuno, a coloro che si sono confrontati e si confronteranno con noi chiederemo sempre di rispettare questa nostra indipendenza”, concludono i lavoratori di Ula.