Prima in italia

Accordo con Airbnb: Genova riscuote la tassa di soggiorno dal web

Genova. E’ un accordo importante quello che, entro settembre, verrà sottoscritto dal Comune di Genova con il portale online Airbnb specializzato negli affitti di camere e case-vacanza: la convenzione permetterà infatti a Tursi di riscuotere la tassa di soggiorno direttamente sul web.

Lo ha annunciato l’assessore al Turismo Carla Sibilla. “Diventeremo la prima città italiana a stringere una convenzione con Airbnb, con un prelievo alla fonte dell’euro di tassa di soggiorno”.

Il Comune introdurrà inoltre un’esenzione dalla tassa di soggiorno per gli studenti universitari fino a 26 anni d’età iscritti all’ateneo genovese previa esibizione del tesserino nell’albergo e per i soggetti che alloggiano in strutture ricettive a seguito di provvedimenti adottati da autorità pubbliche assunti per fronteggiare alluvioni, emergenze o calamità.

Inoltre il tetto minimo per chiedere il rimborso della tassa di soggiorno salirà da 10 a 50 euro.

leggi anche
  • Case vacanza
    Ponti di primavera: Genova, Loano e La Spezia fra le mete più gettonate
  • #savethedate
    Settimane corte e week end lunghi: ecco i ponti del 2017
  • Exploracity
    Passeggiando tra le torri medievali grazie alla realtà aumentata
  • Turismo 2.0
    Airbnb, la carica dei 63.000: a Genova è boom di presenze e sempre meno sono “fantasmi”
  • Capofila
    Airbnb, Genova prima città in Italia dove il portale riscuoterà la tassa di soggiorno