Dopola tragedia

Tragedia A10: dai sindacati una sottoscrizione per i familiari delle vittime

Liguria. Cgil, Cisl e Uil hanno promosso una sottoscrizione volontaria per sostenere i familiari dei due operai morti ier sull’autostrada A10, travolti da un tir mentre erano al lavoro in un cantiere.

La sottoscrizione equivale a due ore di retribuzione. Nell’esprimere cordoglio per le vittime e vicinanza ai feriti, i sindacati ribadiscono “l’impegno quotidiano teso ad aumentare il livello di sicurezza, elemento indispensabile e di garanzia per tutti i lavoratori che gravitano su Autostrade e per tutti i clienti”.

Intanto la Regione ha chiesto “un tavolo di approfondimento con il Ministero delle Infrastrutture e con Autostrade per l’Italia sui nodi critici presenti in Liguria per limitare il più possibile i disagi e fornire garanzie di sicurezza agli automobilisti”. “La nostra è un’autostrada difficile, dobbiamo cercare tutti insieme le soluzioni migliori, anche nella gestione dei cantieri – hanno spiegato Toti e Giampedrone – Solo negli ultimi mesi in quel tratto autostradale del ponente ligure sono stati cinque gli incidenti avvenuti, prova lampante della sua pericolosità. Per questo chiediamo al Ministero delle Infrastrutture e alla Direzione di Autostrade di ragionare insieme a noi per capire se, all’interno della manutenzione ordinaria e straordinaria, ci siano possibilità di aumentare la sicurezza sia di chi ci lavora, sia degli automobilisti. Tenendo conto che in alcuni tratti manca anche la corsia di emergenza, con enormi rischi per chi la percorre”.

[tag name=”tragedia a10″]

leggi anche
  • Tra albisola e celle
    A10, tir investe operai: due morti, nove feriti. Uno grave al San Martino
  • Norme e sicurezza
    Tragedia A10, Cgil: “Faremo protesta. Serve impegno concreto di tutti”
  • Sicurezza
    Tragedia A10, Cisl: “Inaccettabile che si continui a morire sul posto di lavoro”
  • Una costante
    Tragedia A10, 5 camion ribaltati in 9 mesi. E tra Arenzano e bivio A26 altro tratto critico
  • La protesta
    “Basta morti nei cantieri”, sciopero degli edili: domani corteo a Genova