Taxi, la scelta di Genova: "Non facciamo sciopero" - Genova 24
La denuncia al matitone

Taxi, la scelta di Genova: “Non facciamo sciopero”

Presidio sotto il Matitone per denunciare la situazione di forte abusivismo che si verifica nei confronti della categoria

Genova. Nello sciopero dei tassisti Genova si distingue e vai in controtendenza rispetto alle proteste a livello nazionale.

La scelta, presa in maniera unitaria da tutti i sindacati a livello locale, è stata infatti quella di non lasciare a piedi i genovesi, ma di limitarsi a un’assemblea in piazza De Ferrari e a un presidio.

“Avendo un tavolo aperto con il governo non vediamo la necessità di creare difficoltà ai cittadino”, spiega Valerio Giacopinelli, Fita Cna.

Alla vertenza nazionale, però, i tassisti genovesi hanno unito anche quella locale, con un presidio di auto bianche sotto il Matitone. Ancora una volta i rappresentanti della categoria sono saliti al comando della polizia municipale per denunciare la situazione di forte abusivismo che si verifica nei confronti della categoria.

“L’ultimo ‘episodio’ – spiega Leonardo Cavagnoli, portavoce tassisti genovesi – si è verificato durante il concerto di Gigi D’Agostino al Palafiumara quando abbiamo visto un andirivieni di auto che sospettiamo taxi abusivi”.

leggi anche
sciopero taxi
Dalle 10 alle 18
Taxi, notte di trattative. Assemblea in piazza De Ferrari
IMG 3243
La nostra inchiesta
Quando l’auto “bianca” diventa grigia. Viaggio nel mondo dei tassisti abusivi
sciopero taxi
Protesta finita
Tassisti, al via il tavolo ministeriale, il servizio torna regolare anche a Genova
sciopero taxi
Ancora in piazza
Tassisti, Toti “pronti a impugnare emendamento se sarà approvato”
sciopero taxi
Sciopero
Genova, i tassisti “invadono” De Ferrari: “Presidio che tutela i cittadini”
sciopero taxi
La doppia partita
Uber, Confartigianato Taxi: “La Regione ribadisce di essere al nostro fianco”