Quantcast
La sentenza

Omicidio vico dei Biscotti: altri due senegalesi condannati, ma uno è latitante

Quindici anni di condanna per lo studente latitante.

Genova. La corte di Assise di Genova ha pronunciato altre due sentenze di condanna per l’omicidio di Brahim Mounir, marocchino di 39 anni, ucciso con un coccio di bottiglia nel novembre del 2015 in vico dei Biscotti nel cuore della movida genovese. A novembre era stato condannato a 12 anni di reclusione con rito abbreviato l’esecutore materiale del delitto, Fail Serigne Mbecke, senegalese di 24 anni.

Oggi sono stati condannati i due complici giudicati colpevoli di aver tenuto ferma la vittima: si tratta di Mustapha Jarju 21 anni, condannato 9 anni e 4 mesi e di uno studente senegalese incensurato tutt’ora latitante e quindi condannato in contumacia a 15 anni di reclusione. Quest’ultimo secondo gli investigatori sarebbe tornato in Senegal.

Per i giudici entrambi gli imputati sono colpevoli di “concorso anomalo” in omicidio volontario, in quanto l’azione dei due non avrebbe avuto come obiettivo l’omicidio che è stato una conseguenza prevedibile ma non voluta dell’aggressione. L’omicidio, secondo quanto ricostruito dai carabinieri coordinati dal pm Vittorio Ranieri Miniati, sarebbe nato dopo una discussione nell’ambito di un regolamento di conti tra spacciatori del centro storico. L’aggressione era avvenuta davanti a decine di testimoni che però non si fermarono per intervenire.

leggi anche
Centro storico, omicidio in vico dei Biscotti
Fu una spedizione punitiva
Omicidio in vico dei Biscotti, condannato a 12 anni l’autore materiale del delitto