#genova2017

M5S shock: lo staff annulla la candidatura di Marika Cassimatis

La decisione annunciata da Beppe Grillo sul blog. Oggi gli iscritti voteranno - on line - se non far partecipare il Movimento alle comunali o se presentare la lista di Luca Pirondini

Genova. “Al minimo dubbio nessun dubbio”. La citazione di una frase di Gianroberto Casaleggio mette un sigillo pesante su una delle decisioni più clamorose che il Movimento 5 Stelle abbia messo in atto.

La notizia è arrivata questa mattina sul blog di Beppe Grillo. Lo Staff ha deciso di annullare la candidatura a sindaco di Genova di Marika Cassimatis. Dopo le polemiche dei giorni scorsi, animate dall’ala ortodossa dei 5 Stelle (quella di Alice Salvatore e del, almeno in pectore, suo candidato Luca Pirondini) legate al fatto che l’insegnante e sindacalista fosse stata sostenuta da attivisti di fatto critici con il Movimento, a far scoppiare il caso è stato un post di Beppe Grillo stesso

“Nella pagina di accettazione della candidatura per i candidati alle comunarie di Genova – scrive il leader e comico genovese – che tutti i candidati hanno sottoscritto online, era stabilito che: “Il Garante del MoVimento 5 Stelle si riserva il diritto di escludere dalla candidatura, in ogni momento e fino alla presentazione della lista presso gli uffici del Comune di Genova, soggetti che non siano ritenuti in grado di rappresentare i valori del MoVimento 5 Stelle.”. In base a questa prerogativa e in qualità di garante del MoVimento 5 Stelle, al fine di tutelarne l’immagine e preservarne i valori e i principi, ho deciso, nel pieno rispetto del nostro metodo, di non concedere l’utilizzo del simbolo alla lista di Genova con candidata sindaco Marika Cassimatis”.

E continua:

“Dopo l’esito delle votazioni di martedì, infatti, mi è stato segnalato, con tanto di documentazione, che molti, non tutti, dei 28 componenti di questa lista, incluso la candidata sindaco, hanno tenuto comportamenti contrari ai principi del MoVimento 5 Stelle prima, durante e dopo le selezioni online del 14 marzo 2017. In particolare hanno ripetutamente e continuativamente danneggiato l’immagine del MoVimento 5 Stelle, dileggiando, attaccando e denigrando i portavoce e altri iscritti, condividendo pubblicamente i contenuti e la linea dei fuoriusciti dal MoVimento 5 Stelle; appoggiandone le scelte anche dopo che si sono tenuti la poltrona senza dimettersi e hanno formato nuovi soggetti politici vicini ai partiti”.

Grillo scrive poi che la decisione è irrevocabile. “Se qualcuno non capirà questa scelta, vi chiedo di fidarvi di me”, e chiede agli iscritti certificati di effettuare una nuova votazione on line per decidere o se non presentare nessuna lista per le elezioni comunali di Genova o se presentare la lista, arrivata seconda per un distacco di pochi voti, con Luca Pirondini candidato sindaco. La votazione sarà aperta oggi 17 marzo dalle 10 alle 19.

Suonano quasi beffardo, a questo punto, il post di congratulazione pubblicato non più tardi di ieri sera su Facebook proprio da Luca Pirondini, e si fa più chiaro anche il motivo per cui Alice Salvatore, fino a ora, era sembrata in attesa.

leggi anche
  • L'inizio della fine?
    Caos M5S, la base accusa Grillo: “Fascista”, ma i fedelissimi sono con il leader
  • Caos comunarie
    M5S, Marika Cassimatis: “Interrotto processo democratico, attendo spiegazioni”
  • Il dibattito si infiamma
    Tensione alle “5” stelle, l’effetto Marika si fa sentire, lasciano tre consiglieri e il meetup Vallestura
  • Genova 2017
    M5S, l’ex consigliere regionale Battistini: “Deriva autoritaria, è stato come uscire da una setta”. Cassimatis in silenzio stampa
  • La precisazione
    Addio al M5S? Pisani smentisce: “Solo gossip, rispondiamo con i programmi”
  • Genova 2017
    Cassimatis-Pirondini: una poltrona per due. Lei: “Io candidata M5S”
  • Il post
    Caso Cassimatis, la contromossa di Grillo prima dell’udienza