Conto alla rovescia

Il lungo filo da scuola al campo nomadi: “Sgombero e bambini senza futuro” fotogallery

Cornigliano, le maestre non si arrendono: "Devono andare a scuola"

filo campo nomadi cornigliano

Genova. Corre da via Cervetto fino a via Muratori; dalla scuola Ferrero al campo nomadi abusivo che domani verrà sgomberato. E’ il filo steso dagli insegnanti di Cornigliano per protestare, ancora una volta, contro una misura di ordine pubblico che rischia di rivelarsi soluzione unicamente temporanea.

“Il campo – spiega Elisabetta Ranzi, insegnante della scuola primaria – è irregolare e lì non può stare. Noi però in questi tre anni abbiamo visto nascere e crescere quei bambini, li abbiamo visti imparare e possiamo dire che quanto sta per accadere non è sensato”.

Il punto interrogativo che aleggia sulla vicenda riguarda soprattutto quella ventina di minori che si divide tra scuole dell’infanzia, primarie e medie e che a Cornigliano ha trovato istruzione e anche amici. “La maggior parte degli insegnanti è d’accordo: uno sgombero effettuato in questo modo, senza preoccuparsi di cosa accadrà dopo, non offre nessuna prospettiva e servirà solo a ripetere all’infinito una storia di disagio sociale. I piccoli – conclude Elisabetta – vogliono andare a scuola e lo vogliamo anche noi”.

leggi anche
Campo nomadi Cornigliano: via la censimento
La lettera
Sgombero del campo rom di via Muratori a Cornigliano, le maestre di scuola: “Che ne sarà dei bambini?”
Campo nomadi Cornigliano: via la censimento
Lettere
Sgombero campo rom di Cornigliano, l’associazione EveryOne al Comune: “Fermate lo sgombero”
finanza albenga
Operazione vurdòn
Genova, maxi sequestro da sei milioni di euro nel campo nomadi di Bolzaneto
Campo nomadi Bolzaneto
Sicurezza
Nomadi, Lega Nord: “Sgombero immediato di tutti i campi”
Campo nomadi Cornigliano: via la censimento
Cornigliano
Sgombero campo nomadi, Amorfini (Lega): “Domani giorno di festa per Cornigliano”
sgombero campo rom cornigliano
Le operazioni
Cornigliano, sgombero campo rom: “Abbiamo tutti figli, ora non sappiamo cosa fare”