Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Gioco d’azzardo, Consulta comunale: “Nessun confronto, siamo indignati”

Più informazioni su

Genova. La “Consulta comunale per i giochi a premi in denaro” ed il Coordinamento regionale “Mettiamoci in gioco” apprendono “con indignazione che la Regione Liguria porterà al voto questo pomeriggio un emendamento con cui verrà prorogata la legge sull’azzardo”.

L’emendamento, si legge in una nota, “viene proposto al Consiglio regionale nel corso della discussione sul DDL 40/2016 che non tratta in alcuna sua parte il tema dell’azzardo. Il provvedimento non è stato pertanto discusso in Commissione; la Giunta regionale formula il suo frettoloso verdetto a favore dell’azzardo avendo ascoltato esclusivamente le ragioni economiche dei commercianti e dimostrando completa insensibilità alle ripercussioni del gioco sulla salute, sull’integrità  delle famiglie, sulla tenuta della legalità, sulla sicurezza e sul decoro dei quartieri, mentre le opinioni di operatori pubblici e privati e delle associazioni che riportavano i gravi costi sociali della piaga del gioco non sono state ascoltate”.

“Durante l’audizione che abbiamo chiesto – spiega Clizia Nicolella, presidente della Consulta contro il gioco in denaro – alla Regione questa mattina abbiamo rappresentato le ragioni delle tante persone che ieri in piazza De Ferrari hanno manifestato il loro sostegno all’ applicazione della Legge regionale 17/2012. Queste ragioni non verranno ascoltate. Il presidente Toti ha manifestato la sua disponibilità ad aprire un confronto con il mondo “no slot” da domani. Ma se l’emendamento oggi verrà votato, domani sarà troppo tardi e la Liguria avrà perso un’occasione affrancarsi dalla morsa dell’azzardo”.