Genova 2017, Toti: "Nessuno sgomita per fare il sindaco" - Genova 24
Lavori in corso

Genova 2017, Toti: “Nessuno sgomita per fare il sindaco”

"Chiunque sceglieremo - ha spiegato - sarà il migliore di tutti"

Genova. Ancora lavori in corso nel centrodestra, in vista delle elezioni comunali per individuare il successore di Marco Doria. Il candidato sindaco, insomma, ufficialmente ancora non c’è: “nessuno – ha spiegato oggi il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – nel centrodestra sta sgomitando per fare il candidato sindaco di Genova, stiamo facendo dei ragionamenti tra i partiti della coalizione per trovare la geometria migliore”.

“Chiunque sceglieremo – ha continuato – sarà il migliore di tutti, il migliore inteso come il più condiviso dai partiti del centrodestra, il più coerente con il lavoro da fare, quello a cui meno ci nuoce chiedergli di rinunciare a quello che sta facendo adesso. Nessuno dei presunti candidati e nessuno dei partiti rivendica per se un ruolo o una scelta in esclusiva, stiamo ragionando in modo civile su cosa è meglio per Genova, non c’è un candidato di bandiera dei singoli partiti, non c’è un’imposizione della Giunta regionale, non c’è nessuno che sgomita”.

Bisognerà ancora aspettare, anche perché gli ultimi giorni di attesa, ha concluso, “sono dovuti a supplementi di riflessione, che stiamo facendo, che non riguardano né la qualità delle persone, né la compattezza del centrodestra, ma semplicemente cose utili a Genova e alla Regione, per non rendere troppo fragile la nostra amministrazione”.

leggi anche
gianni crivello 4
'quasi' candidato
Genova 2017, Crivello attende la ‘chiamata’ dal centro sinistra unito
voto seggio elezioni comunali, amministrative 2014
Politica
Genova 2017, 8 domande di Rete a Sinistra a partiti e candidati per verificare programma e coalizione
campo nomadi savona
Domani
Genova 2017, arriva la Meloni: tour-sicurezza in centro storico e corona a Mameli
corsia pronto soccorso
Esperienza finita
Centro sinistra: per Anpi, Arci, Cgil e San Benedetto “impossibile una coalizione civica”. E sulle alleanze ora è caos