Gambizzato a Cornigliano, chiusura forzata per il bar Mario - Genova 24
Via vetrano

Gambizzato a Cornigliano, chiusura forzata per il bar Mario

Tutti i clienti sentiti come testimoni erano pregiudicati

pistola

Genova. La sparatoria del 6 marzo sera avrà conseguenze anche per il Bar Mario di via Vetrano, a Cornigliano. La polizia, su provvedimento del Questore, ha infatti notificato ieri la chiusura forzata per il locale.

Le indagini condotte nelle ore successive hanno rivelato che tutte le persone presenti al momento del fatto, clienti abituali sentiti come testimoni, avevano numerosi precedenti. Secondo le forze dell’ordine il Bar Mario rappresenta così un punto di riferimento e di ritrovo abituale per pregiudicati, inclini ad attività criminali e a comportamenti violenti.

Sul fronte delle indagini Gentian Hila, il cuoco di origini albanesi che vive a Voltri, resta in carcere con l’accusa di aver gambizzato il 25 enne senegalese. A casa sua gli investigatori channo trovato una browning 7.65 con matricola abrasa. I bossoli sono risultati immediatamente compatibili con quelli rinvenuti sul selciato. Hila è accusato di lesioni aggravate. Ha un unico vecchio precedente penale per droga che risale al 1999. Anche il senegalese, nullafacente in Italia, era sottoposto all’obbligo di firma in commissariato, proprio per spaccio di stupefacenti. I due avevano avuto un diverbio per futili motivi. Per questo, l’albanese era stato allontanato dal bar, dove era tornato due ore dopo armato di pistola.

Più informazioni
leggi anche
polizia
La convalida
Uomo gambizzato a Cornigliano, l’albanese: “Non volevo colpirlo, ho sparato in terra”
polizia
Le indagini
Uomo gambizzato a Cornigliano: trovata l’arma, domani la convalida dell’arresto
polizia notte
Regolamento di conti o lite?
Cornigliano, gambizzato davanti a un bar: un fermo