Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Entella ospite del Benevento, Roberto Breda: “Non dobbiamo mollare, gara difficile” risultati

Appuntamento alle ore 15 contro una squadra che ha un forte desiderio di rivalsa

Chiavari. Rifinitura baciata da un sole primaverile questa mattina per l’Entella: ultimi ritocchi prima della sfida con il Benevento.

Ecco l’elenco dei venti giocatori che sono partiti alla volta della Campania. Portieri: Iacobucci, Paroni. Difensori: Ceccarelli, Pellizzer, Benedetti, Sini, Belli, Pecorini, Baraye, Filippini. Centrocampisti: Moscati, Palermo, Troiano, Ammari, Tremolada, Ardizzone, Zaniolo. Attaccanti: Caputo, Catellani, Diaw.

Benevento-Entella è la sfida fra le due formazioni che, dopo 29 turni,– hanno guadagnato il maggior numero di punti nelle riprese rispetto ai propri risultati dei primi 45 minuti: +11 sia per i biancocelesti che per i giallorossi. La statistica, rilevata da Footballdata, è corroborata dal fatto che 22 dei dei 42 gol dell’Entella e altrettanti sui 40 complessivi realizzati dal Benevensono stati segnati nei 30 minuti finali di gara.

La sfida tra le due squadre fu una delle più divertenti del girone di andata. “Mi piacerebbe si ripetesse il risultato – scherza Roberto Breda -. E’ una partita molto difficile, in un campo difficile, contro una squadra che viene da una settimana non positiva e avrà sicuramente voglia di rivalsa. E’ una squadra che ha dei valori tecnici importanti e una grande capacità in casa di far risultato. Dobbiamo essere veramente bravi e dare continuità ai nostri risultati e alle nostre prestazioni, dimenticando da certi punti di vista la partita di Bari e concentrandoci su questa che è molto delicata“.

Il Benevento, nonostante buone prestazioni, ha raccolto un punto nelle ultime tre partite. “Ci sarà sicuramente il loro desiderio di rivalsa – prosegue -; da parte nostra noi non dobbiamo ragionare come chi ha fatto sette punti in tre gare ma come chi vede un avversario a cinque punti e vuole provare ad avvicinarsi o almeno non allontanarsi troppo. La nostra lettura dev’essere questa. La gara sarà difficile, gli atteggiamenti che dovremo avere saranno complessi, dobbiamo non sbagliare l’approccio”.

Cosa cambia nella testa dei giocatori dopo una gara come quella contro il Bari? “Lo vediamo domani. Se siamo poco furbi facciamo sì che ci faccia mollare e sedere un po’ e non deve capitare; se invece siamo bravi e vediamo che quando abbiamo un certo tipo di atteggiamento possiamo far bene con tutti credo che ci aiuterà a crescere – conclude – e a farci diventare ancora più squadra e più compatti”.

Al “Vigorito” arbitrerà Eugenio Abbattista della sezione di Molfetta, assistito da Marco Zappatore (Taranto) e Oreste Muto (Torre Annunziata); quarto uomo Valerio Marini (Roma 1).