Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

A Chiavari sono arrivate le “casette dell’acqua”: solo 5 euro per 100 litri foto

Chiavari. Inaugurate questa mattina le “Casette dell’Acqua” a Chiavari, tre distributori situati rispettivamente in via Piacenza, corso Buenos Aires e via Parma (Caperana). Presenti il Sindaco Roberto Levaggi, il vicesindaco Sandro Garibaldi, il Presidente del Consiglio Comunale Maurizio Barsotti, il consigliere Marco Rocca, oltre ai rappresentanti dell’azienda Eco Line che eroga il servizio.

“Con questo nuovo servizio, che confidiamo possa essere gradito ai cittadini, vogliamo innanzitutto sottolineare che l’acqua è un bene di tutti e porre concretamente l’attenzione sul tema della sostenibilità ambientale e soprattutto della pubblica utilità – dichiarano il sindaco di Chiavari Roberto Levaggi e il vicesindaco e assessore alle opere pubbliche Sandro Garibaldi – Inoltre ci auguriamo che il risparmio nel consumo delle bottiglie di plastica consentito da questo sistema si tradurrà nel tempo – oltre che nell’ovvio e importantissimo beneficio ambientale – anche in un risparmio in funzione della riduzione dei costi per lo smaltimento dei rifiuti plastici”.

Nell’occasione sono state consegnate dall’azienda Eco Line (che eroga il servizio) al sindaco Roberto Levaggi 30 tessere con ricarica da 7 euro cadauna (2 euro costo tessera più 5 euro di ricarica), che saranno distribuite gratuitamente, previa verifica da parte dei servizi sociali, ai cittadini meno abbienti.

Nei giorni successivi all’inaugurazione, per ogni zona, verranno individuati degli esercizi commerciali dove i cittadini potranno comprare le tessere ricaricabili e su ogni casetta verranno indicati i luoghi over poter acquistare le tessere ricaricabili. Le tessere si ricaricano direttamente dalla casetta dell’acqua come le chiavette per i distributori automatici. Costano 7 euro ciascuna ed avranno una ricarica di 5 euro (con la quale si potranno acquistare 100 litri di acqua) in modo che la tessera costi solo due euro.