Centro sinistra, domani l'incontro sul programma ma Sinistra italiana si sfila. Articolo 1: "Ora al lavoro" - Genova 24
Coalizione incerta

Centro sinistra, domani l’incontro sul programma ma Sinistra italiana si sfila. Articolo 1: “Ora al lavoro”

Generica

Genova. Domani il centro sinistra si incontrerà a partire dalle 16.30 per tentare di definire un impianto di base di un programma condiviso, indispensabile per tentare di dare solidità alla coalizione che appoggerà la candidatura di Gianni Crivello a sindaco di Genova.

All’incontro però non parteciperà sinistra italiana, uno strappo annunciato e ora ufficializzato in una notano cui viene bollata come “fallimentare” l’esperienza del centro sinistra e “irricevibile” la candidatura di Gianni Crivello in quanto non rappresenta alcuna discontinuità ed è, invece, chiara espressione di un partito quale il PD e dei suoi equilibrismi interni per risolvere i propri conflitti e, peraltro, elude completamente la discussione sopracitata avendo l’impronta di decisione già presa”.

A sinistra italiana, che guarda con attenzione al quarto polo in costruzione con Effetto Genova, Possibile e altri movimenti civici (che però ha detto chiaramente no a simboli di partito, risponde) Articolo 1 con il deputato Stefano Quaranta: “Apprendiamo che sinistra italiana si sottrae ad una discussione di merito sul futuro di Genova. Chiediamo a questo punto di andare avanti senza più perdere tempo occupandoci della città, raccogliendo idee, competenze e personalità che vogliano lavorare a costruire anziché distruggere. La coalizione di centrosinistra e civica proposta dalle associazioni più rappresentative della città è l’unica possibilità concreta di guardare al futuro. Intendiamo metterci a disposizione e sostenere in modo leale il candidato e la squadra di governo, che tutti insieme ci daremo, dopo aver proposto a tutti i cittadini genovesi di collaborare alla costruzione con le associazioni ed i partiti di un progetto per la rinascita di Genova”.

Ret

leggi anche
Mobile
Genova 2017
Centro sinistra, i giovani della Rete non rinunciano al confronto: nasce la “Genova che osa”