Ci saranno i voti?

Amiu-Iren, la delibera giovedì in giunta. Il passaggio in consiglio il 28 o il 30 marzo

Usb e Cisl intanto preparano lo sciopero.

Amiu-Iren, la protesta a Tursi

Genova. Potrebbe slittare di due giorni, forse al 30 marzo la delibera sull’aggregazione Amiu-Iren. Nessuno infatti ha ancora visto il nuovo testo che prima di andare in giunta dovrebbe essere condiviso con la maggioranza. Così almeno la vede il segretario del Pd genovese Alessandro Terrile: “Sarebbe sbagliato portare in giunta un documento che non è stato prima condiviso quantomeno con i consiglieri di buona volontà in modo da discutere prima eventuali modifiche per non ritrovarsi all’ultimo momento sommersi da emendamenti”.

Domani, prima del consiglio comunale ci sarà una riunione di maggioranza insieme ad Amiu, mentre giovedì è previsto il passaggio in giunta. In mezzo ci dovrà essere appunto almeno un altro confronto con i consiglieri che potrebbero anche se non di maggioranza, cambiare il loro voto come quelli della lista Musso. Vista la necessità di almeno due commissioni è facile prevedere che per martedì 28 il percorso potrebbe essere non concluso. Più facile chiudere, o tentare di chiudere, la partita entro il 30, con l’obbligo giuridico di far passare il giorno in giunta le delibere su tari e bilancio

Intanto i sindacati si stanno organizzando per la protesta. L’Usb ha già dichiarato lo sciopero per il 28 marzo, mentre la Cisl che stamattina è stata convocata in Prefettura insieme all’azienda e al Comune di Genova per tentare di arrivare a un accordo dopo la proclamazione dello stato di agitazione, come prevede la procedura prevista dalle legge 146 sui servizi pubblici. Non essendo stato raggiunto alcun accordo la Cisl è pronta a proclamare a sua volta lo sciopero probabilmente per il 30 marzo.

leggi anche
Sciopero e corteo dei lavoratori di Amiu
Potrebbe slittare
Amiu-Iren, braccio di ferro tra giunta e consiglio sulla data del voto in aula della delibera

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.