Torna a vincere lo Sporting Recco. Lavagnese fermata dall'Argentina - Genova 24
Grosso decisivo

Torna a vincere lo Sporting Recco. Lavagnese fermata dall’Argentina fotogallery risultati

I bianconeri di Mango vincono in 9 contro 11 a Forte dei Marmi e si rilanciano in ottica salvezza. Lavagnese che si allontana dalla vetta. Ancora un pari per il Ligorna. Il Sestri Levante si piega con il Savona

Varie sport

Giornata importante in Serie D, la 25^ per varie ragioni sia in testa che in fondo alla classifica. Certificata ufficialmente la crisi societaria del Grosseto che perde 0-3 a tavolino il derby contro il Gavorrano, la quale ringrazia e aumenta il distacco sulla Massese seconda a +6 con il Savona unico a vincere sul campo in questo turno.

Contemporaneamente arriva la quarta vittoria in campionato dello Sporting Recco, al terzo risultato utile consecutivo, che lascia il Grosseto all’ultimo posto (probabilmente per sempre, visto che non è certo se i biancorossi potranno concludere il campionato e si potrebbe profilare una “Novese bis”) e sale a -2 dal primo posto utile per i playout, occupato dalla Fezzanese.

I bianconeri dimostrano di essere in gran forma vincendo a Forte dei Marmi contro un Real Forte Querceta che cercava punti playoff, ma un’autorete di Cauz al 73° e le prodezze di Grosso fra i pali, consentono ai recchelini di sfoderare la prestazione più di carattere del campionato vincendo addirittura in 9 contro 11 per le espulsioni di Papi e Lazzoni. Per i ragazzi di Mango quindi un bel passo in avanti e dopo due pareggi  amari (con il vantaggio sfumato nel finale) arriva finalmente una vittoria che a Recco attendevano dallo scorso dicembre.

I recchesi sono gli unici a gioire pienamente in un turno in cui le altre genovesi fanno fatica. Spicca su tutti il 2-2 fra Ligorna e Finale, con i biancoblù che sembrano affezionati al pari. Terza “X” consecutiva, la tredicesima nel campionato attuale (nessuno ha pareggiato di più). Finalesi che giocano sereni, sicuri di avere centrato l’obbiettivo salvezza, mentre i ragazzi di Sabatini, complici anche i risultati delle altre squadre, devono ancora remare prima di potersi dire fuori dai guai, visto che la zona playout è a soli tre punti e sono ancora da giocare alcuni scontri diretti (a cominciare dalla trasferta di Viareggio di domenica prossima).

Contro i giallorossi i biancoblù iniziano bene, con un gioco offensivo e Valenti infatti dopo pochi minuti incoccia la traversa piena. Gol sbagliato e gol subito, così al 22° Sogno penetra in area, Rebecca e Caorsi lo chiudono, l’attaccante ponentino va a terra e per l’arbitro è calcio di rigore che Vittori non sbaglia e fa 0-1. I genovesi, però non si abbattono e riprendono a fare la partita, così al 37° Valenti si fa trovare puntuale all’appuntamento con il cross di Rebecca e sigla il pareggio.

Nella ripresa è sempre la squadra di casa a fare la partita, ma ancora una volta sono gli ospiti a passare in vantaggio. Ancora Sogno protagonista con un tiro dalla media distanza. Pulidori respinge, ma nella zona in cui Roda può arrivare prima di tutti per insaccare, al 69°, l’1-2 per i finalesi. Il Ligorna ha il pregio comunque di continuare a fare il proprio calcio. All’85° Napello viene steso in area su corner, l’arbitro vede e fischia. Dal dischetto è il solito Chiarabini che si rivela una volta di più decisivo e realizza il 2-2 che sarà il risultato finale. In realtà i ligornesi provano a ribaltare l’esito del match, ma Porta è super su una doppia conclusione di Crafa. Finisce così con un pareggio tutto sommato giusto, anche se i genovesi sono stati più intraprendenti, hanno pagato i soliti errori di distrazione che costano i tre punti.

Pari anche per la Lavagnese che probabilmente saluta le residue speranze di inseguire la capolista Gavorrano, salita a +10 sui bianconeri che ora devono guardarsi le spalle, e possono comunque puntare almeno al secondo posto. Ad Arma di Taggia, l’Argentina, quasi del tutto tranquilla, non fa sconti alla squadra di Tabbiani. Primo tempo equilibrato, senza grossi sussulti se non un paio di di tiri, uno di per parte che non impensieriscono le difese.

Le marcature arrivano ad inizio ripresa con un botta e risposta fra Ghiglia e Acampora che segnano uno al 50° l’altro al 52° e la partita non cambierà più. La Lavagnese proverà ancora a cercare la vittoria con Currarino, ben chiuso dall’ottimo Manis, e Di Pietro che sfiora la rete nel finale con un tiro che passa non molto a lato.

Infine va ko il Sestri Levante che con il Savona inizia alla grandissima con la rete di Mobilio alla prima azione della partita (dopo neanche due minuti). La reazione savonese è immediata e al 12° Ruggiero pareggia e nel finale di tempo una gran conclusione di Lumbombo porta i biancoblù in vantaggio. I corsari crollano definitivamente ad inizio ripresa con la ventesima marcatura di Murano che con un tiro velenoso batte Gobbo Secco. Da qui il Sestri prova a fare la partita, ma gli ospiti non faticano a tenere il risultato ed a portare a casa tre punti importanti in chiave playoff. Per i rossoblù sarà, forse fondamentale la prossima partita a Finale Ligure.