Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Savona è in forma ma non basta: la Pro Recco si impone 14 a 8 risultati fotogallery

Prosegue senza intoppi la marcia dei biancocelesti

Genova. È colorato di biancoceleste il derby della quindicesima giornata del massimo campionato: in una piscina di Albaro festosa e gremita vince la Pro Recco sul Savona per 14 a 8, trascinata da un Mandic da favola.

Biancocelesti senza Sukno e Ivovic ma con Echenique al rientro. Nei biancorossi si rivede Colombo, ma mister Angelini deve fare a meno di Milakovic e in porta lancia il numero tredici Missiroli, autore di una buona prova.

Il Savona dimostra di attraversare un ottimo momento di forma, 9 punti nelle ultime 3 partite, e passa subito in vantaggio con Giovanni Bianco. Reazione della Pro Recco con gol in serie di Mandic (palombella a beffare Missiroli), Bruni ed Echenique. Ancora una palombella deliziosa, firmata questa volta da Giovanni Bianco, chiude il primo parziale sul 3-2.

Equilibrio che rischia di rompersi in appena sessanta secondi: prima Aicardi al centro e poi Mandic con il solito sinistro terrificante portano i ragazzi di mister Vujasinovic sul +3. Il Savona si rimette in carreggiata con i gol in superiorità di Lorenzo Bianco e Gounas, interrotti dalla solita marcatura di Mandic. Il numero 3 serbo fa poker a nove secondi dal suono della sirena e porta la Pro Recco sul 7-4.

Cambio campo ma stesso copione: Mandic fa cinquina incastrando il pallone sotto il sette. Il campione olimpico rende felici i giocatori di Fantapolo e trasforma anche il rigore del +5. Dall’altra parte, invece, Tempesti ipnotizza Gounas che dal dischetto immaginario dei cinque metri sbatte sul braccio sinistro del numero uno biancoceleste. Il greco però segna poco dopo, ancora una volta con l’uomo in più. La Pro va in doppia cifra con Figlioli e ristabilisce le distanze.

Negli ultimi otto minuti la capolista si sblocca con l’uomo in più e centra il bersaglio con Fondelli e Di Fulvio. Percentuali migliori in superiorità per il Savona che a metà tempo gioisce con Damonte. Alla festa biancoceleste manca il gol dell’ex di Alesiani che arriva a due minuti e venti secondi dal termine con una palombella. Fondelli sigla la sua doppietta, poi solo Savona: Damonte su rigore e Gounas, entrambi negli ultimi sessanta secondi di gioco, fissano il punteggio sul 14-8.

“Non sono importanti i gol – afferma Dusan Mandic, protagonista di serata -. Piuttosto, dobbiamo continuare a giocare bene e migliorare, perché tra un mese giocheremo la finale di Coppa Italia e non sarà facile“. Tra una settimana, invece, ci sarà ancora il Partizan in Champions League: “Non è la squadra di cinque anni fa, stanno passando un momento difficile, ma hanno qualità e in futuro si toglieranno parecchie soddisfazioni”. Chi tira più forte, tu o Filipovic? “Sicuramente lui“.

Il tabellino:
Pro Recco – Rari Nantes Savona 14-8
(Parziali: 3-2, 4-2, 3-1, 4-3)
Pro Recco: Tempesti, F. Di Fulvio 1, Mandic 6, Figlioli 1, Fondelli 2, E. Di Somma, Alesiani 1, Echenique 1, Figari, Bodegas, Aicardi 1, Bruni 1, Volarevic. All. Vujasinovic.
Rari Nantes Savona: Missiroli, J. Colombo, Damonte 2, L. Giunta, L. Bianco 1, Ravina, Grosso, A. Giunta, G. Bianco 2, Gounas 3, Piombo, Sadovyy, Antona, All. Angelini.
Arbitri: Fusco e Riccitelli.
Note. Superiorità numeriche: Pro Recco 2 su 9 più 1 rigore segnato, Savona 4 su 8 più 2 rigori di cui 1 segnato. Usciti per tre falli: nessuno.