Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sanità, inizia il tour di sopralluoghi di Matteo Rosso nelle Rsa del Golfo Paradiso

“Come è mia ormai consolidata abitudine, oggi farò tre sopralluoghi in alcune Rsa per anziani del Golfo Paradiso, accompagnato da amministratori locali che conoscono molto bene il territorio. I luoghi di cura per anziani sono strutture molto importanti non solo dal punto di vista dell’offerta sanitaria, ma per tutto ciò che concerne la cura della persona, debole e fragile, che viene assistita. Proprio per dare una sempre maggiore garanzia di assistenza e di sensibilità anche per le famiglie degli anziani, abbiamo intrapreso in Regione una revisione del sistema di accreditamento delle Rsa e tra i criteri essenziali è stata introdotta, su mia proposta, anche l’installazione di sistemi di videosorveglianza a tutela non solo degli anziani ospitati, ma anche dei professionisti che vi lavorano per prevenire spiacevoli e dolorosi episodi che vanno a discapito degli assistiti e del lavoro svolto con professionalità da tantissimi operatori”.

Lo dichiara Matteo Rosso, medico e presidente della commissione Salute in Regione Liguria, annunciando il primo dei sopralluoghi di un tour che comprenderà le Rsa del Golfo Paradiso. Oggi pomeriggio accompagnato dagli assessori di Recco Carlo Gandolfo, di Pieve Ligure Federico Baggio e dalla consigliera Anna Ion Scotta di Bogliasco, Rosso visiterà alcune strutture per anziani con sede nei tre Comuni. Al termine della giornata, Matteo Rosso pubblicherà, come abitudine, un report fotografico della giornata.

“Nel massimo della trasparenza – dice Rosso – come testimoniato anche dal mio profilo Facebook, da anni ogni settimana faccio un sopralluogo in una struttura sanitaria per parlare con i pazienti, con gli operatori sanitari e anche con i titolari, nel caso di strutture private, per capire i problemi e per verificare le condizioni di accoglienza. Ritengo indispensabile verificare personalmente e direttamente le situazioni: solo dall’ascolto di pazienti e operatori è possibile costruire una sanità più efficiente e a misura di persona”.