Recupero infrasettimanale

Promozione, la Praese perde (2-1) il recupero con il Bragnorisultati

I bormidesi hanno capitalizzato al meglio le occasioni per andare a rete, la Praese ha subito le due reti nei momenti di miglior gioco

Cairo Montenotte.  Lucio Battisti cantava: “ma che sapore ha una giornata uggiosa?” Facile la risposta: dolce per il Bragno, che ritrova il successo… amaro per la Praese, che esce a testa alta dal campo, ma senza punti, dopo aver giocato una buona gara, al pari dei bormidesi.

Un clima tipicamente invernale accoglie le due squadre e le condizioni del campo, liberato dalla neve caduta nei giorni scorsi, non sono delle migliori… le due squadre, comunque, sono pronte a sfidarsi a viso aperto.

Agli ordini del sig. D’Amico di Imperia, coadiuvato dagli assistenti Lazzaro, anch’egli di Imperia e Mel di Albenga, le due compagini si affrontano nelle seguenti formazioni:

Bragno: Binello. Puglia, Domeniconi, Mao, Facello, Monaco, Mombelloni, Dorigo, Cerato, Mazzei, Leka
A disposizione: Orru, Pellicciotta, Cosentino, Tosques, Zizzini, Pesce, Parodi. Allenatore: Cattardico

Praese: Caffieri. Tamai, Buffo, Massa, Perego, Puggioni, Pinna, Stefanzl, Cenname, Cilione, Cisternino Palagano.

A disposizione: Lepri, Ossuto, Morabito, Campora, Valente, Albertoni, Salas. Allenatore: Gobbo.

A livello tattico le due squadre hanno un aspetto speculare, giocando entrambe con il 4-2-3-1; i ragazzi di Cattardico hanno Puglia, Mao, Facello e Domeniconi sulla linea difensiva; Dorigo e Monaco sulla mediana; Mombelloni (molto alto) e Leka (tendente più al rientro) sulle fasce, mentre Mazzei agisce dietro all’attaccante centrale, Cerato.

La Praese risponde con la linea difensiva a quattro (Tamai, Massa, Cilione e Perego); Stefanzl e Puggioni a centrocampo; Buffo, Pinna e Cisternino Palagano, dietro a Cenname.

Partono a razzo gli ospiti, che – dopo appena due minuti – impegnano severamente, con Cenname, il portiere locale Binello; nei minuti successivi il match viene giocato prevalentemente a centrocampo, dove è molto interessante la sfida tra Dorigo/Monaco e Stefanzl/Puggioni, che cercano di dettare i ritmi del gioco.

Al 23° Stefanzl atterra Cerato al limite dell’area e viene ammonito; lo stesso numero nove del Bragno si incarica di tirare la punizione, che – deviata – si deposita alle spalle di Caffieri (1-0).

Al 32° ci prova Puggioni, la cui conclusione esce di poco a lato.

A questo punto, Cattardico inverte gli esterni alti, per cercare – con Mombelloni – di creare superiorità numerica sulla fascia sinistra.

Al 40° la conclusione di Mazzei si alza sopra la traversa.

Il sig. D’Amico manda tutti a prendere una bevanda calda al termine dei primi 45 minuti di gioco.

La Praese, sotto la luce dei riflettori, riparte – ad inizio ripresa – come aveva cominciato il primo tempo e al 49°, su un lancio in profondità, Cisternino Palagano anticipa Facello, si presenta a tu per tu con Binello e realizza la rete del pareggio (1-1).

Al 52° gran botta di Cenname, di poco alta sulla traversa.

Al 54° una conclusione di Monaco è ben parata da Caffieri.

Al 55° ci prova Mazzei, Caffieri risponde “presente”.

Al 58° Cisternino Palagano, da 40 metri, colpisce una clamorosa traversa.

Al 60° viene ammonito Buffo, dopo un fallo su Mombelloni.

Al 62° Mazzei conquista palla sulla trequarti e da sinistra converge verso il centro, lasciando partire un tiro, che non dà scampo a Caffieri, nonostante il numero uno genovese riesca a sfiorare la palla (2-1); lo stesso Mazzei viene ammonito per essersi tolto la maglia, in segno di esultanza.

Al 71° infortunio a Cisternino Palagano, sostituito da Ossuto.

Al 73° giallo per Puggioni, reo di aver fermato, da terra, la palla con le mani.

Al 76° esce Perego ed entra Morabito.

Al 77° doppio cambio del Bragno, che manda in campo Zizzini e Tosques, in sostituzione di Mombelloni e Domeniconi.

All’83° Salas Mendoza subentra nella Praese a Tamai.

All’ 84° Parodi dà il cambio a Mazzei.

All’ 89° ammonito il praese Cilione.

Nei cinque minuti di recupero, succede di tutto:

Al 94° Buffo viene allontanato dal campo per doppia ammonizione.

Al 95° l’arbitro mostra il cartellino rosso a Morabito, per un fallo di reazione su Facello (espulso anche lui), cosicché la Praese termina la gara in nove uomini, il Bragno in dieci.

Al fischio finale gli animi sono ancora bollenti, al punto che anche il portiere della Praese, Caffieri ed il numero 12 bormidese, Orru, vengono espulsi dal sig. D’Amico di Imperia.