Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Palazzo ex Inam di corso Gastaldi: vicini alla vendita? fotogallery

L'immobiliare di Cassa Depositi e Prestiti torna a puntare sull'operazione che riqualificherebbe l'edificio di nove piani che ospitava un poliambulatorio Asl

Genova. Riprende slancio la vendita del palazzo ex-Inam, in corso Gastaldi, un edificio costruito tra gli anni Trenta e Quaranta e che un tempo ospitava un poliambulatorio e uffici della Asl genovese. Era un punto di riferimento sociale importantissimo per il quartiere.

palazzo ex inam corso gastaldi

La struttura, inutilizzata da quasi 20 anni, era stata venduta (insieme ad altre decine di immobili) dalla Regione a Fintecna nell’ambito delle cartolarizzazioni 2005-2007 per ripianare il buco della Sanità. Della vendita si occupa ora Cdpimmobiliare, l’ente immobiliare partecipato al 100% da Cassa Depositi e Prestiti, che aveva ottenuto il palazzo da Fintecna.

Qualche giorno fa, sulle facciate a righe bianche e rosa dell’edificio, è apparso un enorme cartello con la scritta: Vendesi. Attorno al 2010 le parti esterne erano state ristrutturate, erano stati eliminati alcuni vecchi ponteggi, ma tutt’oggi i portici al piano terra sono abbandonati all’incuria e, in generale, il fatto che esistano 5700 metri quadrati non sfruttati affacciati su una delle principali arterie cittadine è vissuto come una ferita aperta dai residenti della zona.

palazzo ex inam corso gastaldi

Finalmente Cdp è tornata a concentrarsi sulla vendita – dice il vicesindaco di Genova Stefano Bernini – è un fatto positivo, anche perché il Piano urbanistico comunale, per quell’area, consente facili investimenti residenziali oltre alla possibilità di realizzare parcheggi di pertinenza. Nonostante la crisi del mercato immobiliare possiamo sperare in una svolta”.

Perché il Comune spera in una svolta? Perché la vendita dell’immobile comprende una convenzione con la pubblica amministrazione per cui una quota del 20% della superficie dovrebbe essere destinata ad alloggi a canone calmierato o, più probabilmente, vista la collocazione prossima a diverse facoltà, a residenze universitarie.

Il palazzo ex Inam, progettato da Bernardo Repetto ed edificato tra il 1934 e il 1941, con uno stile architettonico tipico del Ventennio fascista, si sviluppa per nove piani oltre due livelli interrati, e di uno spazio adiacente che comprende circa 80 posti auto.