Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mandorlini smorza il “caso Pandev” risultati fotogallery

Genova. “Fortunati? Bravi? Decidete voi, in ogni caso non meritavamo di perdere”. Andrea Mandorlini commenta il pareggio in extremis con il Bologna e stempera il “caso Pandev”: “Era un po’ arrabbiato, mancavano pochi minuti, queste situazioni possono capitare, lo trovavo poco tranquillo, poco sereno, così alla fine ho scelto Ntcham. Avevo parlato con entrambi stamattina e sapevano che erano tra i papabili a subentrare, non avrei mai pensato che sarebbe andata così, ma tutti sono giocatori del Genoa e sanno che devono dare il massimo”.

Mandorlini è consapevole che la situazione a livello ambientale non è il massimo: “I ragazzi sono stati bravi a superare questa partita, hanno reagito, sono contento per loro”.

Il mister ha anche ammesso un primo tempo molto attendista, forse troppo, in estrema copertura, “Cataldi era molto arretrato – dice – c’era poco coraggio, ma arriverà più avanti, intanto è bene che la paura sia passata quando siamo andati sotto di un gol e ci siamo portati all’attacco, la superiorità numerica poi ci ha dato una mano”.

Mandorlini ha anche un messaggio per i tifosi: “Si sa che questa è una squadra che vive dell’entusiasmo della sua gente e si sente quando il pubblico non c’è, ma dico anche che le scelte vanno rispettate, ora chiedo di dare fiducia”.

Il 3-5-2 che diventa 5-3-2 in fase difensiva è stato pensato per non stravolgere troppo quanto fatto sinora: “Munoz ha sempre giocato a destra e Izzo in passato l’abbiamo visto a sinistra, ho cercato di riportare le cose a come erano abituati”. Mandorlini fa capire di avere in serbo alcuni schemi che forse oggi non sono andati in porto, ma in questa fase l’aspetto nervoso è fondamentale: “Pinilla e Simeone erano arrabbiati per non aver concretizzato diverse occasioni da gol, ma ho detto loro di prendere il positivo di questa partita, il risultato”. La squadra – ribadisce – ha gamba, è ben allenata, ma ha anche carattere e cuore, aspetti fondamentali da non perdere.