Erano ricercati

Maltrattamenti, estorsioni e pedopornografia: catturati a Genova e Lavagna

Genova. Due pregiudicati sono stati arrestati dalla polizia nell’ambito di un’articolata operazione tra Genova e Lavagna. Il primo provvedimento, per i reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni aggravate, ha riguardato un pluripregiudicato 38enne originario di Santa Margherita Ligure, condannato alla pena della reclusione per anni 6 e mesi 8.

Il ricercato, conosciuto nei comuni del Tigullio per i ripetuti comportamenti violenti, aveva fatto perdere le proprie tracce dalla fine dello scorso mese, quando era stato dimesso da un ricovero in ospedale. Grazie alle serrate investigazioni condotte dalla Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile, l’uomo è stato rintracciato a Lavagna, probabilmente in procinto di tentare una disperata fuga all’estero. L’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Chiavari.

Il secondo Ordine di carcerazione è stato eseguito nei confronti di un 56enne di origini palermitane, condannato alla pena della reclusione per anni 3 e mesi 6, per il reato di detenzione di materiale pedo-pornografico. L’uomo era stato indagato nel 2013 dalla Sezione Reati contro la persona della Squadra Mobile, ed è stato rintracciato a Genova, dove aveva trovato rifugio presso alcuni parenti. Associato al carcere di Genova-Pontedecimo.