Genova2017

Leoncini si candida sindaco e lancia l’appello al PD: “Primarie aperte ad aprile”

Il presidente del municipio Centro Est ufficializza la sua corsa per palazzo Tursi con "Genova Cambia" e chiama a raccolta tutte le forze progressiste della città

Genova. La “disponibilità” diventa una candidatura vera e propria. Simone Leoncini, 42 anni, già presidente del municipio Centro Est, dopo aver “lanciato il sasso nello stagno” con una lettera aperta alla città, questa mattina ha concretizzato la propria volontà a candidarsi alla carica di sindaco. Lo ha fatto con un incontro all’interno dei giardini Luzzati, simbolo di un centro storico aperto e vivace che, per Leoncini, dovrebbe rappresentare un modello in scala per tutto il capoluogo ligure.

“Non c’è più spazio per i tartufismi”. La sua candidatura guarda alla Genova progressista, civica, innovativa, attenta alle reali necessità del territorio, alle sue ferite – “povertà, malessere sociale, paura” dice Leoncini – e in grado di attrarre nuove forze per lo sviluppo. In che modo? Con quella che potrebbe diventare una lista civica “Genova Cambia” e con un percorso il più partecipato possibile per costituire una base forte di adesione al progetto.

“La mia candidatura è indipendente e svincolata da qualsiasi forza politica – ribadisce Simone Leoncini, ex portavoce provinciale di Sel – non ho tessere di partito in tasca, non mi interessano più gli equilibri sfaccettati delle nuove formazioni di sinistra o le discussioni interne al Pd, ma sono pronto a dialogare con qualunque forza politica”.

Simone Leoncini

E lo farà, per forza. Soprattutto se, come auspica, bisognerà parlare di primarie. Il neo-candidato spera che siano un’occasione reale di apertura alla città, una chiamata generale che riporti la politica a calpestare le strade e le piazze. “Primarie di coalizione? – commenta Leoncini – un termine rinsecchito, di certo non mi interessa partecipare a primarie che siano un regolamento di conti interno ai partiti, io vorrei che il Pd dimostrasse disponibilità a cambiare i regolamenti, se necessario, e a dare adito a un tipo di primarie il più aperto possibile, altrimenti sarà lo scoppio di una bomba atomica”.

Il dialogo tra Simone Leoncini e il segretario provinciale del Pd Alessandro Terrile è già iniziato e proseguirà ulteriormente. Certo, il Partito Democratico, nel frattempo, è impegnato tra la ricerca di uno o più nomi papabili e ad assettarsi alla luce del caos – scissione a livello nazionale. “C’è una decina di giorni per decidere come andare avanti, non di più – avverte Leoncini – e bisognerebbe che le primarie si tenessero entro i primi di aprile”. Dall’altra parte c’è tutta la galassia di Rete a Sinistra, recentemente confluita – in parte – in Sinistra Italiana. La candidatura di Leoncini vede entusiaste alcune di quelle voci, ma in ordine sparso.

Durante la conferenza stampa ai Luzzati si è parlato di priorità: aggredire il fenomeno della povertà, ripensare la macchina comunale e le aziende partecipate, tornare a offrire servizi pubblici di qualità, dalle scuole ai trasporti, combattere il degrado, favorire lo sviluppo di imprese buone e del turismo. “E ripensare – afferma Leoncini – il bilancio comunale, oggi bloccato sull’unico obbiettivo di arginare il debito”.

genova cambia, simone leoncini

Sabato 25 febbraio alle 9e30 è fissato il primo incontro pubblico. L’appuntamento al centro-laboratorio Formicopoli di piazza Cernaia 3: “Costruiamo i nodi, territorio e progetto Genova”. Si parlerà di servizi, scuola, condivisione, idee per lo sviluppo della città, manutenzioni e riforma delle aziende pubbliche.

“Poi inizieremo a girare per i territori – annuncia Leoncini – ci sono tante persone che si sono messe a disposizione e altre ne vorremo trovare per raccogliere risorse”. Come dire, se ci sarà una lista civica “Genova Cambia” vera e propria i nomi e i cognomi hanno ancora tempo per farsi avanti. “Più le facce saranno nuove – conclude il presidente del municipio Centro Est – meglio sarà. L’innovazione sta anche nella scelta delle persone”. All’incontro di presentazione ai Luzzati, a fianco a Simone Leoncini, per ora, si sono viste quelle di Gigi Picetti, artista e figura storica dell’underground genovese, Marco Montoli, presidente dell’associazione Ce.Sto e Tomaso Boyer, responsabile programmazione dei Giardini Luzzati (sopra, nella foto).

leggi anche
genova2017
Genova2017
Dall’ex pallanuotista al sovrintendente “rosso” nel radar del PD alla ricerca di un sindaco per Genova
partito democratico
Genova2017
Pd: “Le primarie per il sindaco sono più lontane”, Vito Vattuone futuro segretario regionale
corsia pronto soccorso
#genova2017
Massa, Bosco, Chionetti: il centrosinistra cerca il suo candidato fuori dai partiti
simone leoncini genova cambia
#genova2017
Dalla carica dei “100” anti-degrado nei municipi al metodo per attirare imprese: Genova Cambia presenta il programma