Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Locatelli affonda Firenze

Prima vittoria interna per la squadra di mister Carbone che travolge le fiorentine e sale in classifica. Sugli scudi Figari che segna cinque reti

Seconda vittoria consecutiva per la Luca Locatelli Pallanuoto che supera la Firenze Pallanuoto nelle acque di casa con uno sfavillante 18-12. Certamente protagonisti i reparti avanzati, con Figari ispirata e 5 volte a segno. Soddisfazione doppia se si pensa che è la prima vittoria nell’acqua della Sciorba.

La Locatelli gioca una gran partita, contenendo l’inizio volenteroso delle toscane, ma pungendo quanto basta e chiudendo il primo quarto sul 6-3. A segno vanno due volte Sessarego, Benvenuto e Figari. Il vantaggio di tre reti consente alle biancorossoblù di affrontare il secondo periodo con serenità e incrementare il divario piazzando un 5-3 che manda le squadre al cambio campo sull’11-6.

La partita è segnata, le liguri contengono e nel terzo quarto allungano ancora di una rete. L’ultima frazione è una formalità, le toscane si tolgono la soddisfazione di impattarlo 3-3. Grande prestazione di tutta la squadra alla fine, con, oltre alle 5 reti di Figari, le 3 di Sessarego e Benvenuto, la doppietta di Valsecchi, e le marcature di Nucifora I^ e II^, Marcialis e Ricchini.

Felice l’allenatore Stefano Carbone: “Faccio i complimenti alle ragazze per non avere abboccato ad alcuna provocazione, e per l’autorevolezza con la quale hanno fatto propria la partita, di certo stiamo iniziando a mostrare un notevole potenziale offensivo – ha detto – ma dobbiamo imparare a difendere con ben altra attenzione, ben altra determinazione e ben altra personalità. Detto ciò devo dire che ho trovato paradossale che a fine secondo tempo avessimo avuto a favore sei espulsioni ed altrettante contro, per i diversi atteggiamenti in campo delle due squadre. 

Atteggamenti palesi dal primo minuto di gioco. E buon per noi che abbiamo messo dentro 5 delle 6 occasioni in superiorità avute nella prima metà della gara, in generale mi resta difficile comprendere per quale motivo debbano essere premiati elementi eccessivamente aggressivi, quando non provocatori, così come non riesco a capire come mai così spesso i direttori di gara non capiscano, o ci mettano troppo a capire chi ha interesse a mettere l’incontro sulla rissa e chi non ne ha alcuno. Comunque una esibizione decisamente convincente delle potenzialità che ha il gruppo, ed un sintomo importante di ciò è stata la gioia con la quale è stata salutata la rete di Carlotta Nucifora,che dopo anni di duro impegno si è premiata con un gol in A2 che dà senso a tutto il lavoro fatto in queste lunghe stagioni di fatica solo per il gusto di esserne parte, di questo gruppo”.