Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Cà de Rissi fa lo sgambetto alla capolista risultati

Burlando sconfitta di misura, ma ancora saldamente al comando del campionato. Vincono tutte le altre in zona playoff. Bella Don Bosco che batte l'Olimpia e si toglie dai playout

La Seconda categoria girone D, manda in archivio una ventesima giornata in cui la sorpresa arriva dalla sconfitta numero 3 in stagione della capolista Burlando, che viene battuta dal Cà de Rissi di misura al termine di una bella partita. I biancorossi giocano con più determinazione e mettono subito in chiaro alla capolista che non sarà una passeggiata. Il trio d’attacco Comberiati, Ballabene e Barbieri si trova a meraviglia, e la difesa gialloblù fatica a contenere la voglia di vittoria per una formazione che sta trovando continuità nel 2017.

I padroni di casa iniziano fortissimo e sfiorano la rete prima con Barbieri che manda di un soffio alto un bel cross dalla fascia, poi con Ballabene che da ottima posizione sparacchia alto. Al 33° ancora Ballabene dal limite dell’area lascia partire una bomba che si stampa sulla traversa. La Burlando prova a replicare al 34° con Dellepiane, il cui tiro dal limite è troppo lento e viene respinto da Lusardi. Al 41° Bellarosa salva la propria porta con una respinta su un bolide di Comberiati, smarcato da un elegante colpo di tacco di Ballabene.

Si va alla ripresa con i gialloblù che provano ad alzare il baricentro, ma la giornata è di quelle storte e Lusardi rimane quasi inoperoso per tutta la partita. Al 60° è ancora decisivo Bellarosa che para due volte sulla linea, prima su Keita, poi su Barbieri. Dieci minuti dopo il meritato vantaggio Cà de Rissi con Lamuedra entrato a partita in corso.  Sei minuti dopo Savona calcia basso sugli sviluppi di un corner, Lusardi para. Ballabene serve il compagno in area che da due passi smarcato non può sbagliare. Nel finale ancora Ballabene colpisce un palo che avrebbe reso più netta la vittoria dei biancorossi.

Per la Burlando una sconfitta utile forse a restare svegli e non pensare di avere già vinto la competizione. Il vantaggio sul Begato è rassicurante (8 punti),  ma il campionato è ancora lungo e i gialloblù dovranno ripartire da domenica prossima. Per il Cà de Rissi tre punti che permettono loro di restare al terzo posto, in scia al Begato.

Proprio le “aquile” si sbarazzano dell’Atletico Quarto con una buona prestazione, fatta di grande attenzione in difesa e cinismo in fase offensiva. Il primo tempo vede il Begato fare gioco, creare occasioni e il Quarto difendersi. La resistenza gialloblù, però dura una ventina di minuti, poi Coppola dal limite, batte Torre e manda avanti i padroni di casa. La partita si chiude ad inizio ripresa con la rete di Marcenaro al 55°. L’Atletico proverà a rientrare in gara, ma al 90° Giampieri in contropiede sigla la terza rete che completa l’opera dei padroni di casa.

Vittoria netta anche del Mariscotti a Campo Ligure, anche se i campesi si sono dimostrati in forma e restii a cedere i tre punti agli avversari. Il primo tempo è infatti molto equilibrato con un’occasione nitida per parte: al 25° Simic gira di testa, ma Chericoni risponde d’istinto. Al 40° invece è Fiore che si esibisce in un volo plastico sulla botta di Damonte dai 30 metri.

Nella ripresa le squadre lottano a metà campo. Il Campo tiene bene fino a un quarto d’ora dal termine. Pili apre le marcature al 70°, poi Mattiucci con una doppietta al 79° e all’85° chiude i conti. Punizione severa per un buon Campo Ligure. Mariscotti che mantiene il terzo posto insieme al Masone che non ha grossi problemi a battere una Sarissolese troppo distratta in difesa. Il primo gol arriva al 13° con De Gregorio. Dieci minuti dopo Luca Pastorino raddoppia e la Sarissolese pensa a difendersi più che a recuperare.

La tattica ospite serve a poco, perché Pastorino andrà ancora a segno due volte in tre minuti, fra il 68° e il 71°, portandosi a casa la palla e calando il poker che lascia i bianconeroverdi in penultima posizione.

Non si fanno male Anpi Casassa e Mele perdendo entrambe la possibilità di gudagnare punti sulle dirette concorrenti per la salvezza. Le reti arrivano a breve distanza fra loro con il vantaggio di Valenti dell’Anpi che a cui risponde Patrone due minuti dopo. Un punto a testa e squadre appaiate in piena zona playout.

Coglie in pieno l’occasione invece la Don Bosco che riesce finalmente a sollevarsi dai bassifondi infliggendo una sconfitta pesante all’Olimpia,  che invece certifica la propria crisi, viene agganciata dai granata, e sopravanzata per la differenza reti.

Prima parte di gara bloccata con i centrocampisti a farla da padrone. Il punteggio cambia al 37° grazie ad un colpo di testa di Bovone che manda avanti gli ospiti. Nel secondo tempo si ripete il centrocampista granata che al 65° raddoppia e mette al sicuro la vittoria che si concretizza al 90° grazie al gol di Sbardellati, bravo a sfruttare il mal posizionamento della difesa avversaria.

Finisce a reti bianche Rossiglionese – Bolzanetese, con gli ospiti che perdono strada rispetto alla zona playoff, mentre i bianconeri possono ritenersi soddisfatti di un campionato che li vede in zone tranquille.