Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Bogliasco ottiene 3 punti nelle due sfide di domenica e passa come secondo

Due partite molto combattute che si sono risolte con il minimo scarto

Bogliasco. Giornata molto intensa per le bogliaschine ieri alla Piscina dei Mosaici del Foro Italico di Roma. Impegnate nella seconda fase della Coppa Italia, le ragazze condotte da Mario Sinatra ottengono la qualificazione alla final six della competizione dopo due gare decise entrambe all’ultimo punto.

In mattinata Falconi e compagne erano state battute 9-8 dal Messina, al termine di una gara tiratissima che ha visto le liguri prima provare a scappare, poi costrette ad inseguire, fino a dover capitolare nonostante il tentativo di rimonta finale stroncato proprio a fil di sirena. Un risultato sfortunato che rimescolava completamente le carte in tavola in ottica qualificazione.

Infatti, con la vittoria del Cosenza sulla Sis Roma per 15-13, dopo due giornate tutte e quattro le formazioni del raggruppamento si trovavano appaiate a quota 3 punti, con identiche possibilità di accedere al turno successivo ma anche con il rischio di classificarsi quarte e, quindi, essere eliminate dal torneo.

Per Bogliasco l’imperativo era quello di uscire imbattute dallo scontro finale con le padrone di casa della Sis Roma. Neanche il tempo di asciugarsi di dosso l’acqua della prima gara che per le biancoazzurre era di nuovo il momento di tornare in vasca, dopo poco più di due ore di pausa.

La sfida con le capitoline è un’altra battaglia il cui copione sembra ricalcare in qualche modo l’andamento della gara di campionato disputata tra le due squadre a fine gennaio. Allora prevalsero le levantine, al termine di una rimonta clamorosa dopo essere state sotto per oltre tre quarti di partita. Questa volta le parti sembrano invertirsi.

Dopo un inizio equilibrato, il Bogliasco prova a prendere il largo nei due tempi centrali, portandosi fino al più 4 nella seconda metà del terzo tempo. Le capitoline però non si abbattono e risalgono fino al 9 pari, quando mancano due minuti alla sirena lunga. E’ la rete di Giulia Rambaldi a scrivere la parola fine, garantendo il passaggio del turno delle biancoazzurre come seconde del girone ed estromettendo contestualmente la Sis Roma dalla Coppa Italia.

Avanti anche Waterpolo Messina e Cosenza Pallanuoto, il cui scontro è terminato 10-7 per le siciliane. La fase finale del torneo, a sei squadre, si svolgerà tra giovedì 30 marzo e sabato 1 aprile in una sede ancora da stabilire.

L’obbiettivo era passare il turno e l’abbiamo centrato – afferma a fine gara Mario Sinatra -. Certo si poteva soffrire un po’ meno, soprattutto se avessimo pareggiato la gara con Messina, visto che abbiamo avuto la palla per farlo. Però è andata così e possiamo essere soddisfatte. Tuttavia voglio sottolineare l’assurdità di questa formula. Non si possono far giocare tre gare nell’arco di 20 ore e le ultime due a distanza di meno di due ore e mezza una dall’altra. Credo che il mio sia un pensiero diffuso: questa formula va cambiata”.

Di seguito i tabellini dei due incontri.

Bogliasco Bene – Waterpolo Messina 8-9
(Parziali: 3-2, 2-4, 1-2, 2-1)
Bogliasco Bene: Falconi, Viacava, Zimmerman 2, Dufour 2, Trucco 1, Millo, Maggi 2, Rogondino, Boero, Rambaldi 1, Cocchiere, Frassinetti, Malara. All. Sinatra.
Waterpolo Messina: Ventriglia, Begin, Gitto, Chiappini 5, Morvillo, Radicchi 2, Kuzina 1, Lopes Da Silva, Marchetti, R. Aiello 1, Arruzzoli, Laganà. All. Mirarchi.
Arbitri: Gomez e Fusco.
Note. Nessuna uscita per limite di falli. Superiorità numeriche: Bogliasco 1 su 6 più 2 rigori trasformati, Messina 3 su 7 più 1 rigore trasformato.

Sis Roma – Bogliasco Bene 9-10
(Parziali: 3-2, 0-3, 4-4, 2-1)
Sis Roma: Riccardi, Gual Rovirosa 1, Mirarchi 2, Marani, Giovannangeli 3, Tankeeva, Picozzi, Sinigallia 2, Fabbri, Mandelli, Giachi 1, Nardini, Brandimarte. All. Formiconi.
Bogliasco Bene: Falconi, Viacava 2, Zimmerman, Dufour 3, Trucco, Millo 1, Maggi 2, Rogondino, Boero 1, Rambaldi 1, Cocchiere, Frassinetti, Malara. All. Sinatra.
Arbitri: Gomez e D’Antoni.
Note. Uscite per limite di falli Zimmerman nel terzo tempo, Sinigallia e Frassinetti nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Roma 7 su 16, Bogliasco 4 su 9 più 3 rigori di cui 1 fallito.