La sentenza

Accoltellò una commerciante in via Gramsci sfregiandole il volto: condannato a 6 anni e 8 mesi fotogallery

La giovane donna è rimasta permanentemente sfregiata.

Genova. Una rapina assurda e violenta che aveva avuto come vittima una giovane donna cinese, che gestiva insieme al marito un’agenzia di viaggi in via Gramsci. Il fatti risalgono al 5 agosto 2016. Al momento della rapina la donna era sola e il malvivente, Hector Wilmer Soto Jara, peruviano di 37 anni, era entrato con la scusa di fare una fotocopia e aveva accoltellato la donna prima all’addome e poi al volto.

L’uomo accusato di rapina aggravata e lesioni gravissime, è stato oggi condannato in abbreviato dal Gip Cinzia Perroni a sei anni e otto mesi di reclusione. Il sostituto procuratore Luca Scorza Azzarà aveva chiesto 10 anni.

L’uomo, tutt’ora detenuto, è stato condannato anche al risarcimento di 30 mila euro di provvisionale alla vittima, che ha subito uno sfregio permanente lungo il viso. La rapina aveva fruttato 1700 euro. Il rapinatore era stato incastrato dalla squadra mobile grazie alle telecamere e arrestato il giorno successivo alla rapina

leggi anche
rapinatore (giusta)
In carcere
Via Gramsci, tradito da un’impronta: preso il rapinatore del “money transfer”
tentata rapina via gramsci
In fuga
Genova, tentata rapina in via Gramsci: donna accoltellata, grave
coltello
Denunciato
Carasco, ubriaco litiga e accoltella un uomo