Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Verso Genova 2017, Fitto pronto ad alleanze: “Ma chiediamo pari dignità e rispetto”

Genova. La “convenzione blu”, la piattaforma politica del riformisti e conservatori, avviata dall’europarlamentare, Raffaele Fitto, arriva anche a Genova e trova subito un confronto molto interessante con Enrico Musso, ex senatore che con la sua lista civica riuscì ad arrivare al ballottaggio per la poltrona di Sindaco, con Marco Doria, e con le persone vicine alla sua lista. Anche perché il 28 Gennaio, a Roma, ci sarà la presentazione ufficiale della “Convenzione Blu”, alla quale hanno già aderito numerose liste civiche di tutta Italia, dopodiché partirà un percorso politico e organizzativo, con assemblee regionali per radicarsi sui territori.

Capurro, Raffaele Fitto, Musso

“Il centrodestra come lo abbiamo conosciuto finora è passato – spiega Fitto – e bisogna svoltare riportando al centro una piattaforma culturale e programmatica seria, credibile, che eviti slogan ma che metta in campo invece le posizioni che il centrodestra dovrebbe rivendicare seriamente”. Un banco di prova importante sara’, ovviamente, quello di Genova, che andrà al voto per le amministrative e per il quale Fitto è pronto a stringere alleanze.

“Con Enrico Musso e con tutti gli amici che con lui condividono questo percorso – spiega Fitto – stiamo mettendo in campo una prospettiva molto positiva e seria che non è solamente un tema di quantità del consenso che pure c’è, ma la cosa alla quale guardiamo con la maggiore attenzione e’ la qualità della proposta politica e della reciprocità che possiamo su questo portare avanti come contributo utile è positivo per l’interesse di quest’area politica. Penso a una logica di alleanza, per essere competitivi, e per fare questo non abbiamo remore o contrasti nei confronti di nessuno. Noi siamo alternativi alla sinistra ma, al tempo stesso, chiediamo rispetto e dignità pari a quella degli altri. Su questo terreno ci confronteremo anche perché’ penso che prima di arrivare ai nomi bisogna cercare di intendersi sull’idea di città”. Fitto, comunque, non esclude lo strumento delle primarie, anche se i tempi sono particolarmente stretti e non “si può rischiare di fare un pasticcio”. Di primarie parlerà molto probabilmente con Toti, che dovrebbe incontrare in giornata. All’incontro erano presenti Armando Ezio Capurro, che aveva aderito al movimento di Fitto già da tempo, assieme ai consiglieri comunali De Benedictis e Mazzeo.