Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Terramuoviamoci”, da Genova oltre 10 mila euro per una scuola delle zone terremotate

Genova. Sono oltre 30 le associazioni dei quartieri di Oregina e Lagaccio che, insieme alla Parrocchia della Provvidenza, agli istituti scolastici del territorio e al Municipio 1 Centro Est, hanno promosso il progetto “Terramuoviamoci” attraverso la realizzazione di molteplici iniziative di solidarietà, partecipate da numerosi cittadini che hanno accolto, nonostante la crisi economica, questa possibilità di poter contribuire direttamente ed in maniera trasparente alla raccolta fondi. Una rete territoriale che rappresenta un “fiore all’occhiello” per il Municipio.

Quartieri capaci di lavorare su progetti comuni che anche in questo caso hanno dimostrato l’importanza della condivisione di obiettivi e del valore della solidarietà come pratica quotidiana.

Le iniziative, che si sono svolte a partire da settembre e si sono concluse nel mese di gennaio, hanno consentito la raccolta di 10.100 euro. Una cifra importante che sarà interamente destinata, attraverso un gemellaggio dell’Istituto Comprensivo Statale Lagaccio con le scuole del Comune di Valfornace (MC), all’acquisto di materiale didattico. La cifra, tramite una delegazione della rete verrà consegnata direttamente al Preside delle scuole, nella consapevolezza che stringere legami diretti con i bambini delle zone colpite, condividerne e sostenerne i disagi subiti e contribuire al ritorno alla normalità possa rappresentare una prima risposta efficace alla quale seguirà il mantenimento di rapporti nel tempo anche attraverso iniziative future di ospitalità.

Al concerto finale del progetto Terremuoviamoci tenutosi presso il Centro Don Acciai di via Vesuvio hanno partecipato anche il dirigente dell’Istituto Comprensivo E. Tacchella, Don Fully Doragrossa, Don Valentino Porcile e il Presidente del Municipio Simone Leoncini che ha sottolineato “l’importanza di un così ampio lavoro di rete e l’assoluto valore di una pratica solidaristica che si rinnova ogni giorno, rendendo più coeso il nostro municipio e capace d’impegno anche verso altri territori”.