Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Locatelli sconfitta nella prima di campionato

Rari Nantes Imperia che vince con merito. Cambio in panchina con Stefano Carbone: "Possiamo giocarcela con tutte". In vasca diverse facce nuove fra le quali il rientro di Carolina Marcialis

Ci siamo. Inizia la stagione della pallanuoto in diverse categorie “minori” (le virgolette sono d’obbligo visto che si tratta di competizioni di alto livello) fra le quali la A2 femminile che quest’anno vede una sola genovese a difendere il prestigio della città ovvero la Luca Locatelli che si presenta davanti al pubblico amico con tante facce nuove e con la voglia di fare bene.

Di fronte un’altra ligure, quella Rari Nantes Imperia 1957 dai trascorsi recenti di grande gloria (scudettata non molti anni fa) che insieme alle biancorossoblù e alla Marina Militare de La Spezia, forma la truppa ligure, che ben rappresenta, da levante a ponente tutta la regione.

Come detto, molti volti nuovi, a cominciare dall’allenatore della Locatelli, Stefano Carbone, a quella Carolina Marcialis che dopo ben sei anni, rientra in vasca come atleta e non semplicemente come la signora Cassano (peraltro presente in tribuna). Una prestazione che rispecchia le aspettative per lei che era un talento promettente prima di compiere la scelta di dedicarsi totalmente alla famiglia salvo ritornare proprio con la calottina biancorossablù.

Scendendo in vasca e parlando della partita, la Locatelli esce sconfitta con un netto 9-15, che dimostra subito le differenze fra una squadra appena retrocessa (dopo appassionanti playout di A1) contro una che invece si è salvata grazie agli spareggi. Ad inaugurare la stagione ci pensa Figari che apre le marcature, ma le imperiesi rimontano e ribaltano il parziale chiudendo sull’1-3.

Nel secondo quarto, Marcialis dimostra di essere tornata in gran forma con una fuga impressionante che si conclude con la rete del 2-3, ma ancora una volta le ospiti reagiscono con lucidità sfruttando la superiorità numerica e tornano a +2. Si va quindi al cambio campo, ma le genovesi invece di reagire vengono travolte da un’Imperia vogliosa di chiudere i conti prima possibile. Amoretti e Cuzzupè sono sempre pronte a punire gli errori difensivi della Locatelli ed il quarto è ancora, nettamente a favore dell’Imperia.

Il quarto tempo inizia sul 3-9 per le ospiti, punteggio che farebbe pensare a una frazione in cui il gap si potrebbe accorciare, senza grossi sconvolgimenti. Invece gli attacchi delle due squadre si scatenate. Marcialisi e Figari vanno due volte a rete, poi Adamo e Sessarego firmano gli altri due dei sei gol realizzati dalla Locatelli che protesta in maniera vibrante per alcune decisioni più che discutibili, come l’espulsione di Amoretti che invece di uscire subito dalla vasca interferisce in ben due azioni. Le genovesi reclamano una sorta di giudizio un po’ sbilanciato a favore della avversarie, che comunque vincono con merito, impattando l’ultimo parziale, 6-6 grazie alle doppiete di Sieber e della Mata’afa e i gol di Cussupè e Garibbo.

Stefano Carbone a fine gara fa il punto della situazione: “Anzitutto devo dire che se da un lato non sono affatto soddisfatto della prestazione delle ragazze, devo dire che in questa prima prova non brillantissima ho le mie responsabilità, penso tutto sommato di averci messo del mio, sono in debito con le mie ragazze in tal senso e vedrò di porre rimedio al più presto, loro dovranno giocare però con molta più autorità e personalità, le capacità e le possibilità le hanno tutte ed il tempo pure.”

Il tecnico ha puntualizzato anche: “Non dimentico il valore del nostro avversario, che oggi ha meritato sicuramente i tre punti, anche se in parte del divario ha messo un pochino di suo anche il direttore di gara con vari errori che qualcosina ci sono costati, io credo che un distacco di due o tre gol avrebbe fotografato meglio la differenza fra le compagini, ma, ripeto, noi dobbiamo lavorare sodo perchè il gap fra noi e le squadre di vertice non è nè troppo ampio, nè incolmabile.

Ci sono state anche alcune cose positive, quelle tecniche me le tengo per me, ma voglio invece ringraziare ed evidenziare il pubblico, numeroso, caldo, correttissimo da ambo le parti, bellissimo vedere tanti piccoli pallanuotisti (provenienti in gran parte dalle giovanili maschili e femminili nostre e del Quinto) incitare fino alla fine le nostre ragazze nonostante il risultato non favorevole e la nostra giornata non brillantissima.  Grazie a tutti per l’applauso finale, che ha detto veramente tante cose, e tutte molto belle. Continuate a sostenerci, non vi deluderemo.”

Serie A2 Femminile, 1^ giornata

Promogest Cagliari – Marina Militare La Spezia 14-5

RN Florentia – Varese Olona Nuoto 12-1

Pallanuoto Trieste – Como Nuoto 9-16

Css Verona – Firenze Pallanuoto 12-6