Quantcast
Ue ed extra ue

Export, la Liguria contribuisce alla crescita: Genova vende più navi e alimentari

Porto di Genova, terminal traghetti

Liguria. Cresce l’export in Italia, nei primi 9 mesi del 2016, secondo i dati di Unioncamere, si è registrato infatti un più 0,5%. Le regioni che forniscono il contributo più rilevante all’aumento delle esportazioni nazionali sono Basilicata (+76,6%, autoveicoli), Abruzzo (+12,1%, autoveicoli), Emilia Romagna (+1,5%, macchinari), Friuli-Venezia Giulia (+5,5%, mezzi di trasporto escluso autoveicoli), Marche (+5,2%, articoli farmaceutici) e Liguria (+8,5%, mezzi di trasporto escluso autoveicoli); per contro quelle che frenano l’espansione dell’export nazionale risultano essere Piemonte (-4,9%, autoveicoli), Sicilia e Sardegna (rispettivamente -21,2% e -21,4%, prodotti petroliferi raffinati).

La Liguria, che rappresenta solo l’1,8% delle vendite nazionali all’estero, ha registrato nei primi 9 mesi dell’anno una dinamica positiva (+8,5%), passando da 4.983 a 5.408 milioni di euro: di questi 3.005 milioni sono destinati verso paesi Extra-UE1 (il 55,6% del totale), in aumento del 9,7% rispetto allo stesso periodo del 2015, mentre verso l’area comunitaria l’export è cresciuto del 7,1%. La bilancia commerciale resta comunque di segno negativo, -137 milioni circa di euro.

Il settore che ha maggiormente determinato questa crescita è quello manifatturiero, i cui prodotti rappresentano oltre il 90% dell’export regionale e che nel periodo esaminato hanno registrato complessivamente un aumento del 10,2%, in particolare le vendite dei mezzi di trasporto (+112,3% l’export complessivo, +211,8% quello extra-UE). Buona la performance dei prodotti chimici (+8,3% l’export complessivo, +5,7% quello verso i paesi extra-UE) e degli apparecchi elettrici (+5,7% l’export complessivo e +2,9% quello verso i paesi extra-UE), mentre registrano una lieve flessione le vendite dei macchinari (-9,0% l’export complessivo, -6,3% quello verso i paesi Extra-UE).

In aumento l’export ligure verso i mercati UE (+7,1%): al primo posto si conferma la Francia (in crescita del 6,4% grazie soprattutto alla vendita di prodotti in metallo e navi), verso cui sono stati venduti prodotti per un controvalore di 581 milioni di euro e che rappresenta il 10,7% dell’export regionale. Il secondo paese UE di destinazione è la Germania (+3,3%) seguita dalla Spagna (+7,2%): per entrambe il maggior volume di vendite è rappresentato dai prodotti in metallo e dai prodotti chimici. Tra i mercati extra-UE, verso cui si è registrata complessivamente un’espansione del 9,7%, il volume maggiore di vendite è stato destinato alle Isole Marshall, sostenuto esclusivamente dalla vendita di navi dai cantieri genovesi. Seguono gli Stati Uniti (-10,1%, prodotti chimici e macchinari) e l’Oman (l’84% delle vendite è rappresentato da navi).

Nel dettaglio, Genova: il capoluogo ligure ha registrato un aumento delle esportazioni, +12,6%, passando da 2.816 a 3.170 milioni di euro; valore che sale ulteriormente a +18,8% se si considerano esclusivamente le vendite verso i paesi extra-UE. Tra i prodotti delle attività manifatturiere, che complessivamente crescono del 15,2% si registra un particolare incremento nelle vendite dei mezzi di trasporto (+240,4% l’export complessivo, +389,6% quello extra-UE), in particolare navi e imbarcazioni, degli apparecchi elettrici (+10,8% l’export complessivo, +6,1% quello extra-UE) e dei prodotti alimentari (+7,7% l’export complessivo, +16,5% quello extraUE)

Nell’ambito dei paesi extra-UE, ai primi posti si piazzano le Isole Marshall e l’Oman verso cui si è registrata una straordinaria vendita di navi e imbarcazioni; seguono gli Stati Uniti, stabili rispetto al 2015, verso cui le aziende genovesi hanno indirizzato soprattutto macchinari. Le vendite verso l’area UE registrano un aumento pari all’1,5%: le prime tre destinazioni comunitarie risultano Germania (+8,1%), Francia (-12,0%) e Spagna (+5,8%).