Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ex mercato del pesce, i residenti: “Niente moschee o centri per profughi”

Tutte le richieste degli abitanti del centro storico

Genova. Gli abitanti del centro storico non vogliono che l’ormai ex mercato del pesce di piazza Cavour diventi un luogo di degrado. Per questo motivo, l’Associazione Centro Storico Est e una rappresentanza dei cittadini del quartiere del Molo si sono riuniti in assemblea per concordare le linee guida da proporre a Municipio e Comune sull’utilizzo della struttura.

“Ribadendo la perdita sia simbolica che di lavoro dopo la sua chiusura ai danni di tutto un settore e della zona che dal mercato aveva un indotto, sale la preoccupazione sul futuro utilizzo della struttura – spiegano – L’ex Mercato del Pesce deve diventare un punto di incontro e il fulcro delle attività del quartiere, e le associazioni e i comitati della zona hanno già al vaglio alcune proposte di utilizzo della struttura, proposte che saranno presentate al presidente del Municipio 1 Simone Leoncini e al sindaco Marco Doria chiedendone la giusta considerazione da parte delle istituzioni”.

Richieste precise, che gli abitanti sperano vengano ascoltate. “Chiediamo che le decisioni non siano calate dall’alto ma vengano discusse e valutate tra amministrazione e cittadini stessi. Occorre poi evitare occupazioni abusive da parte di chiunque, quindi è necessaria una stretta vigilanza e se necessario si ricorra alla saldatura delle porte – riassumono i residenti e le associazioni – inoltre chiediamo che non venga attuato nessun utilizzo futuro per ricovero immigrati e nessun progetto inerente a moschee o centri di preghiera. Inoltre diciamo no al trasferimento del progetto Chance all’interno della struttura”.

Ora le risposte devono arrivare dagli enti preposti.