Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dal Cep alla Mameli di Voltri: Brumotti denuncia il degrado e trova la marijuana fotogallery

Per il futuro dell'ex scuola Quasimodo spunta il nome del professor Henriquet con il progetto di un hospice per il Ponente

Genova. Ha preso una piega inattesa l’ultimo blitz genovese di Vittorio Brumotti, l’inviato di “Striscia la notizia”. Il ciclista freestyler originario di Finale Ligure, arrivato nel ponente cittadino per denunciare – come al suo solito – situazioni di degrado e abbandono urbano, ha visitato la piscina Mameli di Voltri e l’ex scuola Quasimodo di via Andrea Podestà, al Cep.

Ma è in questo secondo “set” che, in mattinata, è scattata la scoperta: all’ultimo piano dell’edificio, una struttura razionalista degli anni Settanta, vuota da quando la scuola si è trasferita nelle vicine primarie di via Martiri del Turchino, oltre all’opera dei vandali è stata rinvenuta anche una piccola piantagione di marijuana.

Vittorio Brumotti e il suo operatore, non appena resisi conto della situazione, hanno avvertito le forze dell’ordine e dopo le riprese della mattina – evoluzioni mozzafiato sul tetto della scuola, con lo sfondo del porto di Prà, nonostante le forti raffiche di vento – sono tornati sul posto nel tardo pomeriggio. Oltre alla Polizia municipale, sono stati allertati anche il nucleo di Polizia giudiziaria e il reparto Scientifica.

Al di là del fuori programma “stupefacente”, il servizio di Striscia la Notizia che andrà in onda nei prossimi giorni, era dedicato a sottolineare la vicenda della ex scuola del Cep. “Ho fatto due giri qua e là – ha spiegato Brumotti – mi hanno segnalato queste due strutture che sarebbero magnifiche per rilanciare lo sport di periferia, eppure per burocrazie e mancanza di fondi, le solite storie insomma, non si riesce a fare nulla”.

Sul futuro della ex scuola di via Podestà è intervenuto anche Mauro Avvenente, presidente del municipio Ponente, giunto sul posto insieme alla Municipale. “Stiamo ragionando con la Gigi Ghirotti perché si possa aprire qui un centro di assistenza per malati terminali – spiega – l’associazione del professor Henriquet si è detta disponibile a investire per ristrutturare la struttura, ma chiede che la Regione possa far scattare la convenzione per i relativi posti letto”. Per quanto riguarda gli spazi sportivi – una palestra con pavimento in legno dove potrebbero essere realizzati due campi da pallavolo – il municipio sta collaborando da tempo con tre società: la Volere Volare (volley), il Club Twirling di Mele e la società di ginnastica Regina Margherita. “Purtroppo ci sono diversi intoppi burocratici ma contiamo di sbloccare la situazione al più presto”.

L’altro obbiettivo dell’inviato di Striscia la Notizia, oggi, è stato la piscina Mameli, sempre a Voltri, uno dei più antichi impianti natatori in città, in abbandono a causa dell’ingente quantità di risorse che sarebbero necessarie per riportarlo in auge.

Qualche settimana fa, su Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti era andato in onda in tv con un servizio sull’edificio Ex Onpi, a Quezzi, quattro piani abbandonati al degrado, un tempo casa di riposo per anziani, al centro di un rimpallo di responsabilità tra Comune e Arte, che ne sono i proprietari. Per la ristrutturazione servirebbero almeno 7 milioni di euro, ma senza fondi europei ogni progetto esistente è sempre rimasto bloccato.