Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Anche la Regione conferma: “Nessun allarme meningite in Liguria”

Incidenza sotto la media nazionale. "Bene informarsi, ma no a psicosi"

Genova. Dopo le rassicurazioni della Asl3 arrivano anche quelle della Regione Liguria: nessun allarme meningite sul nostro territorio. Ad assicurarlo sono stati questo pomeriggio il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti assieme alla vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale. Anzi, l’incidenza della malattia è perfino sotto la media nazionale: 0,3 (era lo 0,2 nel 2015) ogni centomila abitanti, a fronte dello 0,4 del Paese.

“La situazione – ha spiegato Viale – è costantemente monitorata. Ci rendiamo conto che gli ultimi casi isolati abbiano contribuito a creare preoccupazione nella popolazione, facendo percepire un rischio più alto di contrarre la malattia rispetto a quello reale. I dati, però, sono in linea con gli anni passati e, anzi, al di sotto della media nazionale. Bene dunque informarsi, ma attenzione a non creare psicosi immotivate che rischiano di essere più dannose”.

“Ricordo – precisa ancora l’assessore Viale – come già tre mesi fa sia stata attivata una campagna di sensibilizzazione per le vaccinazioni comprese quelle sul meningococco B e C e che la disponibilità di vaccini è adeguata ad oggi”.

In particolare quella per il meningococco B, prevista nel primo anno di vita, è gratuita (copertura regionale di circa il 74%, ossia 3 bimbi su 4). Per gli altri il costo è di 65 euro per ogni dose (ne sono previste due a distanza di almeno un mese). La vaccinazione per il meningococco C, invece, è prevista intorno ai 15 mesi in concomitanza con il vaccino per la rosolia, il morbillo e gli orecchioni (85,4% contro il 79% della media nazionale). Nell’adolescenza (gratuito per i 14enni e 15enni col richiamo per la difterite) e nell’età adulta c’è poi un vaccino quadrivalente, chiamato il vaccino del viaggiatore perché copre anche altri ceppi, al costo di 45 euro. “Il consiglio dunque – conclude l’assessore – è sempre quello di vaccinarsi seguendo il calendario regionale”.