Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Al Franchi di Firenze partita al cardiopalma, Simeone salva il Genoa risultati

Più informazioni su

Firenze. Un rigore salva il Genoa ed evita un boccone che, viceversa, sarebbe stato amaro da digerire per i tifosi che già avevano contestato la squadra domenica scorsa contro il Crotone. Al Franchi il Genoa, contro la Fiorentina, è andato sotto tre volte, ma ha recuperato fiato e grinta e col 3-3 ha portato a casa un punto che fa morale.  Una squadra completamente rimaneggiata per squalificati e giocatori in infermeria.

Temperatura di 15 gradi sul rettangolo di gioco con i tifosi genoani che hanno ricordato Claudio e Christian in onore di due compagni scomparsi. Due soli gli striscioni presenti dunque nel settore riservato ai rossoblù come aveva spiegato la Gradinata Nord nel comunicato di qualche giorno fa.
Al 10′ il primo lampo della partita con Giovanni Simeone che non ha esitato a realizzare un cross dalla linea di fondo. Il pallone, però, non ha trovato nessuno dei suoi compagni sulla sua traiettoria.
Partita che ha preso una brutta piega al 18′ con un errore della difesa e Josip Ilicic per i viola che non sbaglia l’appuntamento con il gol. Una rete frutto di una azione che ha avuto come regista Carlos Sanchez che ha servito Ilicic. Ben piazzato sul limite, con un gran tiro, ha bucato Lamanna sulla sinistra. Al 19′ viola vicini al raddoppio con Chiesa che ha superato tre uomini e ha fatto tremare la traversa con un destro potentissimo.

Pericolo anche al 26′ nuovamente con Ilicic scatenato che ha tentato di pescare un compagno smarcato in area, ma Eugenio Lamanna esca dai pali e respinge. Juric cambia il gioco ed ha fatto entrare Adel Taarabt (ex Milan ndr) che ha sostituito Cofie alla mezz’ora dopo che aveva rimediato anche il giallo per un fallo sul bomber della Fiorentina. Ammonito al 37′ anche Burdisso per un fallo su Kalinic. Prima frazione di gioco che è stata caratterizzata solamente dalla rete di Ilicic ma con una squadra che ha dominato nel possesso palla e con l’11 di Juric che ha cercato di trovare il punto debole della difesa degli avversari con un rapido contrattacco. Ma all’inizio del secondo tempo spazio ancora ai viola che sono andati al raddoppio con la marcatura di Federico Chiesa al 5′. Su assist di Kalinic ha messo nel sacco all’angolino basso di destra il pallone. Una precisa rasoiata dal limite: nulla ha potuto Lamanna. Juric ha schierato poi Pandev per Pinilla.

Il Genoa si è svegliato al 10′ del secondo tempo con un gol di Simeone. Taarabt ha fatto scorrere un buon pallone per El Cholito che è arrivato in area calciando una palla finita alle spalle del portiere. Al 13′ gran lavoro di Taarabt che con un vero capolavoro ha servito Oscar Hiljemark il quale ha finalizzato la splendida azione battendo Marco Sportiello con una gran botta sulla destra. Entusiasmo che si spegne nuovamente quando al 16′ Kalinic ha depositato la palla con un preciso tiro all’angolino basso di destra. Ivan Juric ha poi deciso di cambiare ancora il gioco con un cambio. Ha lasciato il campo di gioco Oscar Hiljemark per Olivier Ntcham. Il giudice di gara manda sotto la doccia Bernardeschi per aver toccato di mano la palla in area, situazione che ha comportato un calcio di rigore per il Grifo.

Dal dischetto non fallisce Simeone calciando un pallone pesantissimo finito in rete sulla sinistra dell’ultimo uomo viola a meno di cinque minuti dalla fine. Dieci le reti siglate dall’inizio del campionato da El Cholito, 11 se si tiene in considerazione anche quello segnato contro la Lazio in Coppa Italia.
Una partita giocata in emergenza generale per la squadra di Juric che in campo da subito ha inserito il nuovo acquisto Hiljemark, Morosini è rimasto in alla panchina. Tridente d’attacco con Simeone, Pinilla e Lazovic.

Buon momento invece per la formazione capitanata da Sousa: esordio in maglia viola per Sportiello, Borja Valero e Ilicic dietro a Kalinic.

Tabellino
Fiorentina (3-4-2-1): 57 Sportiello; 4 De Maio, 6 Sanchez, 13 Astori; 25 Chiesa, 8 Vecino, 5 Badelj, 15 Olivera; 72 Ilicic, 20 Valero; 9 Kalinic. Allenatore: Paulo Sousa. In panchina: 23 Satalino, 17 Dikis, 18 Salcedo, 40 Tomovic, 31 Milic, 19 Cristoforo, 11 Toledo, 16 Tello, 10 Bernardeschi, 24 Hagi, 30 Babacar.
Genoa (3-4-2-1): 23 Lamanna; 24 Munoz, 8 Burdisso, 21 Orban; 22 Lazovic, 5 Izzo, 4 Cofie,93 Laxalt; 15 Hiljemark, 9 Simeone; 51 Pinilla. Allenatore: Ivan Juric. In panchina: 38 Zima, 83 Rubinho, 2 Edenilson, 3 Gentiletti, 16 Beghetto, 17 Taarabt, 32 Morosini, 10 Ntcham, 27 Pandev, 99 Ninkovic.
Ammoniti: Cofie, Burdisso, Simeone, Laxalt (G), Badelj, Astori (F)
Espulso: Bernardeschi
Sostituzioni: Taarabt, Pandev e Ntcham (G), Bernardeschi, Cristoforo, Tello (F)
Arbitro: Orsato di Schio. Assistenti: Di Vuolo e Tolfo. Quarto uomo: Cariolato. Arbitri di porta: Giacomelli e Ros.