Quantcast
Serie d

Vittorie di Natale per Sporting Recco e Sestri Levanterisultati

Vince subito Salvatore Mango, alla prima uscita con lo Sporting Recco. Sale di due posizioni il Sestri Levante con una vittoria di misura. Pareggiano Ligorna e Lavagnese

Varie sport

Ultima giornata sia del girone di andata, che del 2016 per la Serie D. Le genovesi in campo possono dirsi discretamente soddisfatte, soprattutto in fondo alla classifica. Sestri Levante e Sporting Recco infatti chiudono l’anno con tre punti ciascuna, che sono importantissimi nell’ottica della volata salvezza.

Per i corsari arriva la vittoria numero cinque in campionato, che permette ai rossoblù di risalire di bene due posizioni in classifica, lasciandosi alle spalle la coppia Grosseto – Viareggio. I tre punti arrivano contro l’Argentina, reduce da ben sei risultati utili consecutivi. Decisivo Ianiello che al 34° sblocca il risultato con una saetta di sinistro che si infila dietro Manis.

Succede poi molto poco, con il Sestri che pare aver ritrovato finalmente la solidità difensiva e la quadra dopo un lungo periodo di digiuno. L’Arma ha l’occasione di pareggiare nel secondo tempo, ma Lo Bosco si fa ipnotizzare dal carioca Gobbo Secco e sbaglia il penalty. Non cambia più il risultato e per il Sestri Levante sarà un Natale certamente pieno di fiducia nel prossimo anno.

La stessa fiducia che deve avere instillato in pochi giorni Salvatore Mango ai ragazzi di Recco che sfoggiano una delle migliori partite dell’anno e rimontano, senza grossi sforzi su un Grosseto in piena bufera societaria, con i tifosi in piena agitazione.

La partita vive un primo tempo molto lento, con lo Sporting che controlla il gioco, ma va sotto dopo soli sei minuti di gioco per il colpo di testa di D’Adamo, che solo su calcio d’angolo può girare in porta nell’angolo dove non arriva Bellussi.

La risposta dello Sporting è un colpo di tacco di Papi su ottimo assist di Orlando, che si spegne sul fondo, e una conclusione di Lazzoni che non inquadra la porta. Dopo l’intervallo cambia la partita e lo Sporting chiude nella propria metà campo i maremmani. Al 55° Papi pareggia i conti. Su calcio d’angolo dalla destra, Cardarelli devia sulla traversa, che rimette la sfera in area dove il centrocampista toscano è il primo ad arrivare sulla palla e ad insaccarla.

Poco dopo le cose sembrano di nuovo mettersi male per i bianconeri che restano in dieci per il secondo giallo rifilato ad Esposito, ma al 77°, dopo una grande risposta di Novara su punizione di Angelotti, è ancora Papi ad anticipare tutti in mischia e a regalare il gol del raddoppio allo Sporting.

Il Grosseto non riesce a rialzare la testa, il Recco domina e sfiora il gol con Dagnoni, la cui conclusione è respinta dal portiere. All’86° poi Righetti infila per la terza volta il portiere toscano con un facile tap-in. Per lo Sporting è la terza vittoria che rilancia i bianconeri in vista del girone di ritorno.

Punteggio positivo, ma senza vittoria per Ligorna e Lavagnese. I bianconeri erano chiamati all’esame Sanremo, dopo due passaggi a vuoto negli altrettanti scontri diretti precedenti. La partita racconta di un primo tempo senza grandi emozioni, con due squadre che puntano ai tre punti, ma soprattutto si temono e non vogliono rischiare di perdere. La ripresa invece si apre con il vantaggio bianconero. Netta la trattenuta al colletto della maglia da parte di Fiuzzi su Croci che al 49° costa il rigore e il giallo al difensore ponentino. Dal dischetto va Ghiglia che spiazza Massolo e porta in vantaggio la Lavagnese.

La squadra di Tabbiani teme i sanremesi, e prova a mettere in cassaforte il risultato, ma Croci prima e Di Pietro poi, non hanno fortuna. Ci prova poi anche Tognoni con un gran diagonale al 61°, ma ancora una volta difetta la mira. Alla prima vera folata offensiva, poi i sanremesi pareggiano con Scalzi che dai 25 metri trova due fortunate deviazioni eludendo l’intervento di Gavellotti, colto in controtempo. Al 79° i padroni di casa raddoppiano con Cabeccia che di testa insacca la punizione dello stesso Scalzi. Per l’arbitro, però c’è un’irregolarità dello stesso bianoceleste e la rete viene annullata con sollievo dei tifosi bianconeri. Grandi proteste da parte dei locali anche a un minuto dal termine quando Bigoni va a terra a contatto con Guarco. Per i sanremesi è rigore netto, per i lavagnesi no, similmente la pensa anche il direttore di gara. Finisce così 1-1 con un risultato tutto sommato giusto fra due squadre che saranno ancora rivali per i vertici della classifica.

Pari anche del Ligorna, che però si può dire soddisfatto di un girone di andata che ha stupito tutti. Col Ghivizzano arriva il decimo pareggio della stagione biancoblù (come il Sanremo). Al vantaggio dei toscani, che schierano l’ex recchese Giordani, firmato Paccagnini che risolve una mischia al 10° dopo un parapiglia in area, risponderà nella ripresa Valenti al 66° con una spaccata su cross dalla sinistra di Zunino.

La partita si può dividire in due, con un inizio di marca locale, con due conclusioni di Paccagnini e una di Giordani che trovano la porta chiusa da Pulidori. Mentre nel secondo tempo sono i genovesi a fare la partita, pareggiando e provando il colpo del ko chiudendo i biancorossi nella propria metà campo. Ancora Valenti trova sul suo tiro la respinta di un difensore, che si ripete su Chiarabini. La partita non fornisce grandi spunti e le due squadre chiudono l’anno con un pareggio.