Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Un’Entella determinata strappa un punto a Latina risultati fotogallery

Termina in parità un incontro che entrambe le squadre avrebbero potuto vincere

Più informazioni su

Chiavari. Un punto cercato, voluto e meritato al termine di un’altra partita condotta per lunghi tratti ma che rischiava di non concretizzarsi in termini di punti.

Qualcosa sicuramente non gira più come qualche settimana fa, ma non è certamente una crisi di gioco o di identità da parte della squadra di mister Breda. Piuttosto sono gli episodi che spesso voltano le spalle ai biancocelesti e sorridono agli avversari. Un’ulteriore conferma arriva però dalla caparbietà dal carattere e dalla coesione di Troiano e compagni che nel momento in cui vanno in difficoltà sono capaci di mettersi tutti ai remi per cercare di raddrizzare la barca.

A Latina l’Entella giunge con la consueta intelaiatura di gioco, con Caputo assistito alle spalle da Masucci e Cutolo, con Tremolada sempre alle prese con un problema al ginocchio e l’ex di turno Ammari indisponibile.

Dietro e in mezzo le solite certezze. L’approccio dei chiavaresi non è dei migliori, manca la consueta intensità, mancano le trame di gioco anche se qualche pericolo lo creano per primi proprio gli ospiti. Nel momento di maggior pressione, quando l’inerzia della partita sembra pendere a favore dei liguri, sono i pontini a passare in vantaggio con l’unico tiro nello specchio della porta sferrato nel corso del primo tempo, praticamente in fotocopia a quanto era accaduto nel derby con lo Spezia. Nuco scodella un cross sul secondo palo dove Corvia salta più in alto di tutti e incorna a fil di palo.

L’Entella riprende subito a macinare il suo gioco creando un altro paio di occasioni, clamorosa quella toccata a Masucci nel finale di tempo con una girata troppo debole ad un passo da Pinsoglio che neutralizza.

Nella ripresa la formazione ospite ritrova se stessa, Breda inserisce Sini al posto di Belli e tutta la squadra si riversa in avanti alla ricerca del pari. Pochi minuti e Sini sciupa una ribattuta di Pinsogli su conclusione di Caputo, quindi è Masucci che paga dazio alla sfortuna quando in acrobazia coglie il palo pieno alla sinistra di Pinsoglio.

È qui che la determinazione biancoceleste fa la differenza, nella spinta che continua a proporre mentre il Latina cerca di controllare le sfuriate ospiti. Gli ingressi di Tremolada e Costa Ferreira spostano ancora più in avanti il baricentro della squadra di mister Breda che alla fine riesce a segnare. Tremolada batte con preparazione rugbistica una punizione dalla trequarti sulla quale irrompe con un’incornata vincente Masucci, l’uomo più pericoloso e più in generale il più forte colpitore di testa in forza ai chiavaresi. Ma c’è un però: l’assistente sotto ai distinti segnala qualcosa all’arbitro che in un primo tempo sembra annullare la rete strozzando l’esultanza di Masucci. Sono attimi di confusione che durano poco visto che lo stesso Di Paolo, resosi conto che non c’era nulla di irregolare nell’azione del pareggio, indica il centro del campo e assegna il pareggio all’Entella, scatenando per contro le proteste non molto convinte dei neroazzurri.

Proprio nel finale di gara il Latina reagisce rabbiosamente, prima impegnando Iacobucci con una punizione di Bruscagin, quindi rimanendo in dieci per il doppio giallo a Dellafiore. Sotto di un uomo, però, i locali costruiscono la migliore occasione da rete con Rolando, genovese e blucerchiato in prestito nel Lazio, che ha sui piedi la palla dei 3 punti ma colpisce in pieno il palo della porta di Iacobucci. Un secondo interminabile sigillato dal triplice fischio che mette fine alla partita.

Nessuno si sente di gridare al furto dopo il pareggio finale ma entrambe le squadre probabilmente hanno da recriminare. Breda, che da queste parti ha vissuto una stagione esaltante, si gode il punto e guarda già in avanti consapevole che il cammino in questo campionato è molto lungo e l’Entella nelle prossime settimane sarà chiamata ad un lavoro straordinario con quattro partite in quindici giorni che se affrontate con la consueta solidità potranno permettere ai biancocelesti di chiudere con un bilancio più che positivo una prima parte di stagione a tratti entusiasmante. Per farlo però c’è bisogno di ritrovare la freschezza che inevitabilmente può venir meno in questa fase del campionato.

Il tabellino:
Latina – Virtus Entella 1-1
Latina (3-4-3): Pinsoglio; Garcia, Dellafiore, Brosco; Nica (s.t. 15° Rocca), Mariga (s.t. 27° Rolando), Bandinelli, Bruscagin; Scaglia, Gilberto (s.t. 42° Regolanti), Corvia. All. Vivarini.
Virtus Entella (4-3-1-2): Iacobucci; Iacoponi, Ceccarelli, Pellizzer, Keita (s.t. 32° Ferreira); Troiano, Belli (s.t. 1° Sini), Moscati; Masucci; Cutolo (s.t. 12° Tremolada), Caputo. All. Breda.
Arbitro: Di Paolo (Avezzano). Assistenti: Lanza (Nichelino) e Galetto (Rovigo). Quarto uomo: Guida (Torre Annunziata).
Reti: p.t. 23° Corvia (L); s.t. 40° Masucci (E).
Ammonizioni: s.t. 22° Mariga (L), 28° Masucci (E), 38° Dellafiore (L).
Espulsioni: s.t. 45° Dellafiore (L).