Quantcast
L'idea

Traffico, Genova pensa a un semaforo con il “contapassi” per non restare a metà strada

Genova. Potrebbe essere il semaforo di Corso Torino, quello davanti all’anagrafe, il primo impianto semaforico intelligente genovese è forse, addirittura, italiano. Per adesso si tratta solo di un’idea, una semplice ipotesi avanzata dall’assessore al traffico del comune di Genova, che sarebbe molto utile a spiegare i tempi di attraversamento delle strade liberandosi, una volta per tutte, dalle polemiche.

La questione della lunghezza dei semafori per i pedoni e’, infatti, annosa, così come le critiche a un sistema che, in qualche strada allunga i tempi mentre in altre le rallenta. Non tutti, pero, sanno che per i semafori esistono alcune regole europee ben precise, stabilite a livello europeo. Una di queste e’ la lunghezza del semaforo rosso, o di quelli verde, mentre il giallo viene stabilito dalla UE.

Il tempo per l’attraversamento, comunque, e’ sempre garantito. “Il pedone a disposizione sia il tempo del verde che quello del giallo – spiega l’assessore alla viabilità del comune di genova, Anna Maria Dagnino – e, addirittura, il giallo è tarato per dare il tempo al pedone di fare tutto l’attraversamento”. Una misura pensata, tra l’altro, con una attenzione anche al fatto che a Genova sia predominante la popolazione anziana.

“I nostri semafori – continua Dagnino – sono tarati in modo prudenziale, pensando a un’utenza che va un pochettino più piano. Per questo motivo il tempo di verde più il tempo di giallo danno al pedone la piena sicurezza di attraversare”. Questo, ovviamente, vale sui semafori a carreggiata singola, quelli che attraversano più strade, come quello di via Brigate Partigiane, hanno empi differenti perché vengono considerati due semafori differenti.

Da parte dell’assessore, pero, trova anche una proposta innovativa, quella di installare sul prossimo semaforo che sarà rinnovato, un nuovo sistema a tutela dei pedoni. “L’ipotesi – conclude l’assessore al traffico – è quella di creare una sorta di contatore che possa spiegare al cittadino quanto e’ il tempo ancora a a disposizione per attraversare la strada. Per ora è solamente un’idea che volevo, comunque, provare in via sperimentale nel prossimo semaforo nuovo che allestiremo”.