Solidarietà

Terremoto centro Italia: i tassisti genovesi consegnano 300 pacchi al sindaco di Posta

Genova. Dopo la raccolta effettuata al Circolo Tassisti di corso Saffi 27 a fine novembre, una delegazione di tassisti genovesi ha consegnato questa mattina al sindaco di Posta, in provincia di Rieti, 300 pacchi di generi di prima necessità, abbigliamento, calzature invernali e coperte. Donate anche due magliette di Genoa e Samp personalizzate per il primo cittadino. Continua l’iniziativa ‘Una corsa per amatrice’.

È partita questa notte alle 3 la delegazione di tassisti genovesi alla volta di Posta, in provincia di Rieti, per consegnare al sindaco Serenella Clarice i 300 pacchi di generi di prima necessità abbigliamento, calzature invernali e coperte, raccolti a fine novembre nel circolo ricreativo Tassisti di corso Aurelio Saffi 27. I tassisti hanno inoltre regalato alla prima cittadina di Posta anche due magliette personalizzate di Genoa e Sampdoria.

L’iniziativa, a favore del Comune colpito dal terremoto lo scorso 24 agosto, segue la consegna, avvenuta a settembre, di 75 pacchi di generi di prima necessità alla popolazione. Inoltre, continua la raccolta ‘Una corsa per Amatrice’ a cui hanno aderito anche i tassisti genovesi insieme a colleghi di altre città: il ricavato sarà consegnato al sindaco di Amatrice il 6 gennaio da una delegazione di tassisti di ogni parte d’Italia.

leggi anche
Cesti solidali per aiutare i terremotati
Coldiretti
Natale, regali sicuri e solidali: online cesti per aiutare le popolazioni terremotate

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.