Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sciopero TIM, Pastorino: “Con tagli conseguenze pesantissime anche altri gestori”

Più informazioni su

Genova. Arriva questa mattina in consiglio regionale la protesta dei dipendenti liguri di TIM, oggi in agitazione per denunciare la disdetta unilaterale dell’accordo aziendale; una manovra che taglia i salari e riduce i diritti dei lavoratori. Rappresentanze sindacali incontrate dai capigruppo.

“Una decisione oscena e inaccettabile: TIM fa pagare ai lavoratori la sua sconsiderata politica dei tagli, imponendo una riduzione del costo del lavoro pari a 1,6 miliardi di euro – dichiara il consigliere regionale di Rete a Sinistra Gianni Pastorino a margine dell’incontro -. Zero investimenti, un gap tecnologico impressionante ancora da colmare rispetto agli altri Paesi economicamente avanzati, nessun piano industriale credibile, gestione opaca e conseguenti sanzioni dal garante delle telecomunicazioni; però premi e buone uscite milionarie per i manager. Il vertice aziendale va alla deriva; e cosa pensa bene di fare? Punire i dipendenti, chi proprio non ha colpa in tutta questa situazione”.

“C’è un risvolto scandaloso, come se non bastasse: i sindacati fanno sapere che il buon esito della manovra da 1,6 miliardi produrrà un premio di risultato di 55 milioni di Euro per il management – prosegue Pastorino – TIM applica diligentemente la dottrina delle multinazionali: coprire d’oro la classe dirigente, strangolare i comparti produttivi”.

“Una situazione intollerabile, in cui prevale solo il profitto di pochi: la politica deve attrezzarsi per condannare e impedire questo continuo scempio dei diritti. Vedremo da che parte starà, questa volta, il”nuovo” governo – conclude Pastorino -. Ma è comunque certa l’enormità del danno, per i lavoratori ma anche per tutto il Paese: queste scelte aziendali comporteranno un significativo peggioramento del servizio; da qui si innescherà un effetto a catena che produrrà gravi ripercussioni anche per tutti gli altri gestori telefonici”.