Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampierdarenese: aggancio in vetta risultati fotogallery

Il secondo pareggio consecutivo del Golfo Paradiso, costa ai bianocelesti la vetta solitaria. San Bernardino furioso con gli arbitri. Intanto l'Aurora si infila al terzo posto. Cambio di allenatore al Bogliasco

Ora si che il campionato di Prima categoria, girone C è davvero riaperto. Il Golfo Paradiso, dopo una cavalcata di ben 12 turni, è stato riacciuffato dalla Sampierdarenese che come un’abile scacchista ha saputo attendere, rimanere vicina ai biancocelesti e rosicchiare punti settimana dopo settimana. A costare il primato solitario per la capolista è stato il quarto pareggio dell’anno, che permette agli avversari di effettuare l’aggancio, ed anzi un vero e proprio sorpasso in termini di differenza reti.

A bloccare i recchesi sullo 0-0 è il Via dell’Acciaio, squadra dall’andamento imprevedibile, ma che sta trovando un rendimento più costante con 7 punti nelle ultime quattro uscite. La capolista crea diverse occasioni, ma un po’ l’imprecisione, un po’ la sfortuna, un po’ un Di Giorgio in gran forma, consentono ai blaugrana di uscire indenni dal campo della prima in classifica. Musico è il primo a tentare la via del gol all’8° dopo una bella azione tutta di prima con Paterno e Zucca. Lo stesso Paterno gira di testa al 13°: parata semplice per Di Giorgio.

Al 35° Zucca chiama ancora, ma Di Giorgio risponde presente e sventa la punizione. Passano quattro minuti e Paterno salta mezza squadra avversaria, calcia dal limite dell’area, sfiorando la traversa. La ripresa si apre con una bella occasione degli ospiti, la prima, con Pigliacelli, ma la sua conclusione viene deviata out. Al 52° Brunelli in proiezione offensiva colpisce il palo. Per il Golfo Paradiso non c’è verso, la sfera non entra. Ancora Golfo, con Paterno che sfodera una bella sforbiciata, ma Di Giorgio non fatica a bloccare. Nel finale poi ci provano Zucca e ancora Paterno senza fortuna. Per il Via dell’Acciaio un pareggio d’oro, per il Golfo Paradiso tanta amarezza.

C’è invece estrema soddisfazione in casa biancorossonera, quella della Sampierdarenese, che piega le resistenze dello Sciarborasca e fa bottino pieno. Passo indietro dei gialloblù che stanno vivendo un’involuzione preoccupante, e la pausa in arrivo certamente non potrà che essere utile. La nuova capolista va in vantaggio al 15° con un gran diagonale di Gallo che si infila sotto il sette. Il raddoppio arriva nel secondo tempo, al 47° quando De Moro vede Ferraro sul filo del fuorigioco, lo serve e questi beffa Rotondo con un perfetto pallonetto.

Locale arriva al 59° con Galasso che colpisce il palo. Al 63° Angella accorcia le distanze con un gol da punta di razza: stop, protezione della palla e tiro dopo una rapida girata. Lo Sciarborasca preme mentre la Sampierdarenese resiste per quello che può, poi al 93° il sospiro di sollievo. Rizqaoui trova scoperta la fascia destra e lascia partire un gran tiro che si infila sul palo lungo. Sciarborasca che comunque rimane quarto, ma che fatica a trovare la via del gol.

La terza forza del campionato è rappresentata, però dall’Aurora che con un gol di Ghirlanda al 60° batte il Bogliasco a domicilio. La partita costa la panchina a mister Galleni che lascia il posto ad Enrico Ragni. Per la squadra arancioblù si tratta di un ritorno alla vittoria dopo due sconfitte consecutive, che comunque consente all’Aurora di restare lassù fra le “grandi”. Bogliasco invece terz’ultimo e con tanto bisogno di ripartire.

L’Arenzano batte con autorevolezza un’Isolese in grande difficoltà che scivola in modo preoccupante in zona playout. Il primo gol arriva già al 6° con Chiappori. Al 13°, però la risposta dell’Isolese che pareggia con Cicerone. A fine tempo Di Pietro riporta avanti i suoi su calcio di rigore. Nella ripresa poi l’Arenzano allunga sul 3-1, la rete di Seminara illude i biancoverdi di poter pareggiare, ma l’Arenzano tiene bene e porta a casa 3 punti.

Bene anche il San Gottardo che regola 3-0 il Pieve Ligure. Apre Conte su calcio di rigore al 29°, raddoppio di Gelmi appena 3 minuti dopo e dopo ulteriori due minuti, Costa dal limite dell’area gela Bertulessi. Il Pieve non pervenuto e Costa nella ripresa colpisce pure una traversa. Si gioca praticamente ad una porta sola fino al 90° quando il San Gottardo può festeggiare una partita che potrebbe segnare un punto di svolta nelle ambizioni dei biancorossi. Per il Pieve invece, è notte fonda.

Pareggio fra San Bernardino e Calvarese, in una gara che avrebbe potuto consentire agli ospiti di agganciare i neroverdi in classifica. Rimane invece invariato il distacco di tre punti fra le due squadre. É la Calvarese a passare in vantaggio alla mezzora grazie a un colpo di testa di Piazze su calcio d’angolo. Si va al secondo tempo e al 60° Segale raddoppia facendo pensare alla Calvarese di poter portare a casa punti preziosi. La gioia dura, però sette minuti. Tanti ne passano dal raddoppio ospite al pareggio del San Bernardino. Protagonista è Incerti che risponde al secondo gol dei biancorossi dopo appena due minuti e dopo altri cinque minuti pareggia il calcolo dei gol. Da qui la partita, però si blocca, la Calvarese contiene bene il tentativo di vittoria dei padroni di casa.

Il San Bernardino a fine partita, però non ci sta e l’allenatore Novella ha accusato gli arbitri di voler addirittura affossare i suoi ragazzi con decisioni discutibili, come una rete annullata a Provenzano proprio nella partita odierna

La Genovese Boccadasse, dopo aver pareggiato con la capolista nello scorso turno, cade col Prato, sceso in campo col coltello fra i denti e dopo un primo tempo equilibrato, giocato molto a centrocampo, dopo 5’ della ripresa Della Giovanna salta tre avversari, rientra sul destro e la mette all’incrocio facendo esplodere di gioia i tifosi locali. La Genovese subisce il colpo e al 67° viene infilata di nuovo. É Ierardi stavolta a superare Burri con un preciso colpo di testa su punizione di Serra.

La partita si trascina verso la fine, con la Genovese che crea, ma non riesce a pungere. Ci vuole una potente conclusione di Prestanizzi per riaprire il risultato. In pieno recupero, però Serra sfrutta lo sbilanciamento in avanti della Genovese che, stanca e sconfortata subisce la terza rete. Prato che con questa vittoria, scavalca proprio la squadra verderossoblù e si attesta a metà classifica.

Chiude il quadro di giornata Leivi – Vecchiaudace Campomorone, vinta dagli ospiti senza grossi patemi. Al 35° Draghici porta in vantaggio la Vecchiaudace su rigore. Cinque minuti dopo Levaggi viene espulso e lascia il Leivi in dieci. Nella ripresa ancora Draghici infila Riva di testa su preciso assist di De Montis. I locali non riescono a costruire azioni importanti. Per la Vecchiaudace, una vittoria semplice contro una squadra sfiduciata e sempre più ultima.