Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Recupero Genoa-Fiorentina, basta Lazovic per battere i viola risultati fotogallery

Genova. Dopo tre mesi il Genoa conquista i tre punti nel recupero della terza giornata, contro una Fiorentina che si è presentata troppo rinunciataria almeno all’inizio. Buona partita per i rossoblù, che hanno dominato la fascia destra con Lazovic, autore del gol e migliore in campo insieme a Cofie e si sono difesi senza troppi patemi anche quando Paulo Sousa ha calato gli assi nella ripresa.

In un Ferraris spazzato da un vento freddo, si ricomincia con palla a Perin e dal 27’33”, ossia quando Banti decise che il campo del Ferraris era impraticabile per proseguire la partita, un match che il Genoa stava dominando. La Fiorentina sembra non crederci sin dall’inizio, schierando una formazione atipica, con molte riserve. Juric lascia a riposo Rincon, in dubbio sin dalla vigilia, dando spazio a Cofie e a Veloso, che era già stato ammonito nei primi 27 minuti del match.

La partenza del Genoa è a razzo, sembra che i tre mesi non siano passati: al 31′ Fiorentina rischia l’autogol con un retropassaggio di Gonzalo Rodriguez su cui Tatarusanu non è impeccabile e deve metterci una pezza rilanciando coi piedi. I rossoblù creano occasioni a ripetizione: al 34′ con Rigoni, che sfrutta un’uscita scellerata di Tatarusanu e a porta sguarnita si vede salvare il pallone nell’area piccola da Gonzalo Rodiguez. Due minuti dopo è Simeone a mancare l’appuntamento con il gol, intervenendo in scivolata con un leggero ritardo su cross basso di Rigoni che aveva rubato un pallone ad Astori.

L’agognato (e meritato) gol del vantaggio arriva al 37′ ed è tutto di marca balcanica: cross di Ninkovic e Lazovic che insacca di piatto. Per lui il primo gol in serie A. In un attimo si arriva al fischio che interrompe il match e si va all’intervallo un po’ straniti.

Ripresa che riprende senza troppi scossoni, tanto che la prima nota di cronaca è al 53′ quando Paulo Sousa decide di provare a inseguire il pareggio, inserendo Kalinic per Milic.

La partita si scuote al 59′ quando improvvisamente la Fiorentina colpisce la traversa con una botta di Zarate dalla distanza. Ancora lui ci prova un minuto dopo cercando il secondo palo senza successo.

Ninkovic incappa in un cartellino giallo e Juric lo cambia subito: dentro Ocampos (62′).

Il Genoa si riscuote grazie ancora a Lazovic, che spadroneggia sulla destra (con Olivera non c’è partita) e trova Rigoni in mezzo all’area, ma il terzo attaccante rossoblù non trova la porta di pochissimo, con una conclusione lenta e velenosa (70′).

Dall’altra parte una magia di Bernardeschi, che si libera di quattro avversari in area di rigore, si conclude con il giocatore a terra, ma non ci sono gli estremi per il calcio di rigore (73′). Ancora lui impegna Perin con una conclusione centrale all’81’. Due cambi all’83’: fuori Laxalt per Orban e Olivera per Ilicic.

Sousa termina i cambi inserendo Tello per Badelj (89′),ma è il Genoa ad andare ancora vicino al gol, con il Cholito ancora terminale offensivo degli assist di Lazovic, ma Tatarusanu blocca.

C’è anche tempo per reclamare un calcio di rigore per una spinta abbastanza palese su Simeone al 90′. Juric perde tempo sostituendo Rigoni con Ntcham nei tre minuti di recupero. Un errore di Cofie rischia di concedere un’occasione alla Fiorentina, ma Bernardeschi sbaglia tutto, facendo tirare un sospiro di sollievo al Ferraris. Le squadre sono lunghe e ogni azione diventa pericolosa: l’ultima conclusione rossoblù è di Ntcham, respinta dal portiere viola. Fischio finale e grande esultanza. Il Genoa torna a sinistra della classifica con 23 punti.

Genoa-Fiorentina 1-0

Reti: 37′ Lazovic

Genoa: Perin, Izzo, Burdisso, Munoz, Lazovic, Cofie, Veloso, Laxalt (83′ Orban), Rigoni (91′ Ntcham), Simeone, Ninkovic (62′ Ocampos).

A disposizione: Lamanna, Zima, Edenilson, Gentiletti, Gakpé, Biraschi, Pandev, Brivio, Fiamozzi.

Allenatore: Juric

Fiorentina: Tatarusanu, Salcedo, Astori, Gonzalo Rodriguez, Olivera (83′ Ilicic), Badelj (89′ Tello), Sanchez, Milic (53′ Kalinic), Bernardeschi, Vecino, Zarate.

A disposizione: Lezzerini, De Maio, Diks, Cristoforo, Hagi, Chiesa, Perez, Maistro, Tomovic.

Allenatore: Sousa

Arbitro: Guida di Torre Annunziata

Ammoniti: Veloso, Ninkovic, Lazovic (G) Tomovic, Badelj (F)

Spettatori: paganti 2.610, incasso 71.762, abbonati 18.041, quota gara 156.135 euro