Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Park Tennis Genova mai così in alto: è in finale scudetto

Ribaltato il risultato con Prato, l'ultimo atto sarà contro Forte dei Marmi

Genova. Emette i suoi verdetti il campionato di Serie A1 maschile a squadre di tennis, che domenica 4 dicembre ha mandato in scena le gare di ritorno delle sfide playoff (semifinali) e playout (spareggi salvezza).

A contendersi lo scudetto a Montecatini Terme, sabato 10 e domenica 11 dicembre, saranno il TC Italia Forte dei Marmi campione in carica e il Park Tennis Club Genova.

La squadra versiliese, l’unica approdata in semifinale dopo aver chiuso il girone a punteggio pieno, con sei affermazioni in altrettanti incontri, dopo il successo dell’andata in trasferta per 5-1, chiude la pratica con il Tennis Club Crema dopo i primi due incontri (a segno Marrai e Trusendi) allungando ulteriormente la sua striscia di vittorie consecutive per arrivare così a difendere il proprio titolo fino in fondo.

Nell’altra semifinale la formazione ligure riesce a ribaltare il risultato con il Tennis Club Prato. Al termine di un testa a testa avvincente, a condurre il Park Genova alla sfida per il tricolore sono i punti individuali colti da Alessandro Giannessi, Gianluca Mager e dal danese Frederick Nielsen, a cui si aggiungono le vittorie in doppio; non basta dunque ai toscani il bel successo del giovane Lorenzo Sonego ai danni di Andrea Arnaboldi.

I ragazzi di capitan Sanna scrivono la storia del circolo di via Zara e per la prima volta, dalla fondazione del sodalizio, raggiungono la finale maschile del campionato nazionale di Serie A1. Il tutto dopo 8 ore e mezza di battaglia sportiva e dopo aver ribaltato prepotentemente il risultato dell’andata. Festa grande sia a Prato che a Genova. Adesso il team genovese si giocherà il tutto per tutto il prossimo fine settimana nel corso di una due giorni di gare, in calendario a Montecatini Terme, contro il Tennis Club Italia Forte dei Marmi.

Il Tennis Club Prato era reduce dal 4-2 dell’andata, strappato a Genova. Ma niente hanno potuto Mertl e soci contro la furia di Giannessi e compagni, in giornata di grazia.

La mattinata a Prato è iniziata nella migliore maniera possibile, con il successo di Gianluca Mager contro Trevisan dopo tre estenuanti ore (lo scorso week end si era invece fatto sorprendere). Vendetta dove essere e vendetta è stata anche per il danese Nielsen, che ha trascinato il Park sul 2-0, grazie alla vittoria su Stefanini in altre 3 ore. Come da pronostico lo spezzino Giannessi ha portato Genova sul 3-1, abbattendo il granatiere ceco Mertl in appena un’ora. Il punto della speranza per Prato lo ha messo agli archivi il promettente Lorenzo Sonego, che ha battuto il gialloblù Arnaboldi. A chiudere i conti i due doppi. Giannessi-Nielsen non hanno lasciato scampo a Mertl-Sonego e dunque a mettere la ciliegina sulla torta ci hanno pensato Arnaboldi e Mager, superlativi contro Stefanini e Trevisan e gli oltre 200 supporter pratesi. A suggellare il successo l’invasione festosa di campo dei soci al seguito e del resto della squadra, consci dell’incredibile risultato ottenuto.

Questo il commento di un raggiante Filippo Ceppellini, presidente del Park: “Giornata storica questa per il nostro circolo, mai in 70 anni di attività è stato centrato un simile obiettivo. I ragazzi sono stati straordinari, hanno compiuto un’impresa, giocando a livelli altissimi. Ora sotto con il Tennis Club Italia: da inizio stagione Lorenzi e compagni sono i grandi favoriti della manifestazione ma si giocherà sul veloce, non propriamente la loro superficie preferita. Ho fiducia in Sanna e nei ragazzi, giocando in questa maniera è lecito sognare in grande. Vivremo come una festa le due giornate di gare e ci stiamo già attrezzando per invadere pacificamente con i nostri soci Montecatini“.

Per quanto riguarda i playout, il Due Ponti Roma è quello che meno fatica ad assicurarsi la permanenza nel massimo campionato: dopo il 6-0 in trasferta all’andata sul Tennis Club Triestino, la formazione capitolina ha conquistato i primi due singolari con Lorenzo Abbruciati e Federico Teodori rendendo così inutile la disputa degli altri incontri.

Missione compiuta anche per il TC Sinalunga, che dopo il successo casalingo per 4-2 è riuscito a strappare un preziosissimo 3-3 sui campi dell’AMP Pavia: i successi individuali di Jan Hernych, Giorgio De Rossi e Uros Vico sembravano aver spianato la strada della rimonta ai lombardi, ma un contributo decisivo per la salvezza dei toscani è venuto da Daniele Bracciali, a segno sia in singolo che in doppio accanto al polacco Dawid Olejniczak, con la coppia Nahuel Fracassi-Giovanni Galuppo capace di prevalere di misura al match tie-break sui locali De Rossi-Comasco.

Tanto equilibrio anche negli altri due spareggi, con il Circolo Tennis Palermo che riesce ad imporsi per 4-2 sui court dello Sporting Club Selva Alta Vigevano (la gara di andata era terminata in parità): fondamentali per la permanenza dei siciliani nella massima serie le vittorie individuali di Omar Giacalone, Claudio Fortuna e Andrea Trapani e il punto strappato per i capelli in doppio dal duo Salvatore Caruso-Omar Giacalone.

Serve invece il doppio di spareggio per dirimere la contesa nell’incertissimo derby veneto fra Tennis Club Schio Arket e Società Tennis Bassano, capace di replicare con la stessa moneta al 4-2 che aveva subito domenica scorsa a domicilio. Alla fine, al tie-break decisivo, sono i padroni di casa a fare festa.

I tabellini del ritorno delle semifinali playoff.

Tennis Club Prato – Park Tennis Genova 1-5 (andata: 4-2)
Alessandro Giannessi (G) b. Jan Mertl (P) 61 64
Lorenzo Sonego (P) b. Andrea Arnaboldi (G) 63 46 64
Gianluca Mager (G) b. Matteo Trevisan (P) 64 36 64
Frederick Nielsen (G) b. Jacopo Stefanini (P) 64 57 64
Alessandro Giannessi/Frederick Nielsen (G) b. Jan Mertl/Lorenzo Sonego (P) 63 61
Andrea Arnaboldi/Gianluca Mager (G) b. Jacopo Stefanini/Matteo Trevisan (P) 63 76(3)

TC Italia Forte dei Marmi – Tennis Club Crema 2-0 (andata: 5-1)
Matteo Marrai (I) b. Giuseppe Menga (C) 62 62
Walter Trusendi (I) b. Filippo Mora (C) 61 61