Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nodo ferroviario Genova, sindacati: “Bene garanzia occupazionale, ma con nuova gara si rischia”

Più informazioni su

Genova. Nodo ferroviario di Genova, dopo l’agitazione dei giorni scorsi, un “segnale importante”. “Registriamo con soddisfazione la disponibilità da parte di tutti i soggetti rispetto alla garanzia occupazionale dei 100 lavoratori – spiegano i sindacati Fillea Cgil Filca Cisl Feneal Uil Genova in una nota congiunta – Un segnale importante. Siamo fiduciosi che il tavolo prefettizio dei prossimi giorni getterà le basi per far proseguire senza intoppi l’opera”.

Una delle tematiche oggetto del contenzioso continua ad essere l’assenza di discariche limitrofe. E una nuova gara, oltre ad alimentare ricorsi e contenziosi, non risolverebbe certamente il problema di dove collocare le terre. “La tariffa riconosciuta per lo smaltimento dei detriti pare essere insufficiente a coprire i costi effettivamente sostenuti – sottolineano i sindacati – E ci sono ancora da smaltire circa 200 mila metri cubi di terra. E’ necessario un intervento delle istituzioni in tal senso. Una situazione che sta peraltro mettendo in ginocchio imprese del territorio alle quali era stata affidata la gestione del movimento terra”.

Lunedì è confermata assemblea al campo base di Fegino. I lavoratori, per buona parte provenienti da fuori Genova, hanno in tasca un biglietto di sola andata per tornare alle loro residenze. “Un segnale non rassicurante. Ma senza il biglietto di ritorno difficilmente i lavoratori lasceranno il posto di lavoro. Confermiamo quindi l’appello al senso di responsabilità a tutti i soggetti per trovare una sintesi nell’interesse collettivo”.