Accordo raggiunto

Nodo Ferroviario, accordo in Prefettura: stop ai licenziamenti e sì alla cassa in deroga

I tavoli istituzionali proseguiranno comunque entro il mese di febbraio

Nodo ferroviario, lavoratori davanti alla Prefettura

Genova. Si è concluso con un importante accordo l’incontro in Prefettura, alla presenza anche di Comune, Regione, RFI, Eureca, Fergen, sulla vertenza del Nodo ferroviario di Genova.

Vengono sgombrati dal campo i licenziamenti. “Fergen, il consorzio costituito dalla vincitrice dell’appalto Eureca, provvederà al ritiro della procedura di mobilità a fronte dell’erogazione della cassa integrazione in deroga prevista dalla Regione Liguria. Un modo per garantire continuità salariale ai 79 lavoratori mentre si farà chiarezza sulla necessaria prosecuzione dell’opera”, si legge in una nota sindacale.

I tavoli istituzionali proseguiranno comunque entro il mese di febbraio. “Fergen riconoscerà inoltre ai lavoratori anche le spese del viaggio e del trasporto sostenuti nei giorni precedenti”, termina la nota delle organizzazioni sindacali che esprimono soddisfazione per questo difficile ed importante accordo.

 

leggi anche
Nodo ferroviario, protesta a Fegino
Continua la lotta
Nodo ferroviario di Genova, la Fergen in liquidazione licenzia tutti
nodo ferroviario genova
Buona notizia
Nodo ferroviario: lunedì ripartono i lavori, in 30 “sequestrati” al campo base
esplosione cantiere nodo ferroviario
La storia infinita
Nodo ferroviario, Gentile (Rfi): “Troppi ritardi, rescinderemo contratto con le imprese”
Lavoratori comparto Edile in regione
Opera in stand by
Nodo ferroviario, Cgil: “Se ci sarà nuova gara sia rispettata clausola sociale”
Nodo ferroviario, lavoratori davanti alla Prefettura
Emergenza lavoro
Nodo ferroviario, cassa in scadenza. M5S: “Lavoratori Fergen a rischio, Toti inutile”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.