Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Natale, regali sicuri e solidali: online cesti per aiutare le popolazioni terremotate

Più informazioni su

Liguria. Per permette a tutti i cittadini presenti sul territorio nazionale di fare da casa acquisti sicuri, gli agricoltori e gli allevatori delle zone terremotate portano on line i propri prodotti salvati dal sisma. Grazie al supporto di Coldiretti sarà possibile sostenere concretamente e direttamente la ripresa economica ed occupazionale dei territori colpiti dal sisma, senza cadere nel rischio di truffe e inganni che spesso si nascondono in rete.

“Con un semplice click – dichiara il presidente Coldiretti Liguria Gerolamo Calleri- sarà possibile ordinare on line dal sito www.campagnamica.it (accessibile anche da www.coldiretti.it) tre diverse tipologie di cesti natalizi che raccolgono le specialità delle specifiche realtà regionali terremotati. Dal sito sarà possibile – continua Calleri- scaricare l’ indirizzo di tutte le aziende terremotate coinvolte nell’iniziativa per contattarle direttamente e fare acquisti personalizzati ad hoc, secondo le diverse esigenze. Un metodo semplice e sicuro per aiutare queste aziende, garantendosi anche un regalo certamente gradito”.

I cesti con i prodotti terremotati – si legge nella nota di Coldiretti Liguria – sono per tutti i gusti e tutte le tasche con golosità che vanno tra l’altro dal pecorino di Leonessa al farro di Monteleone di Spoleto DOP fino alla schiacciata aquilana prodotta insieme ad altri salumi abruzzesi.

Sono circa 3 mila le aziende agricole a rischio nei territori terremotati dei comuni di Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo dove c’è un’elevata significativa presenza di allevamenti con oltre 100 mila animali tra mucche, pecore e maiali, secondo una stima della Coldiretti che sottolinea anche la presenza di un fiorente indotto agroindustriale con caseifici, salumifici e frantoi da i quali si ottengono specialità di pregio famose in tutto il mondo che sostengono che il flusso turistico che, tra ristorazione e souvenir, è la linfa vitale per la popolazione.